Dio. Che spettacolo!

Dio. Che spettacolo! di Woody Allen Siamo nell'antica Grecia, alla vigilia del Festival Teatrale Ateniese. Un autore e uno scrittore sono disperati perché la loro commedia non ha ancora un finale, quand'ecco che una serie di strani personaggi, alcuni provenienti da Trieste e dintorni, propongono una soluzione: Dio entra in scena e salva tutti... Funzionerà? Con il suo humour geniale, Woody Allen riesce a conciliare satira farsesca con citazioni coltissime, giostrando sui temi filosofici di Dio e del libero arbitrio. Lo spettacolo sarà accessibile, ovvero darà la possibilità alle persone sorde, cieche e ipovedenti di seguirlo grazie alla presenza di due interpreti LIS, di sovratitolazione e di audiodescrizione. Domenica 18 dicembre, ore 17.00 Teatro S.Pellico, via Ananian 5/2, Trieste Parcheggio nel campo adiacente aperto dalle 16.00 L'accesso alla sala per il pubblico è alle ore 16.30. Per le persone cieche e ipovedenti la visita tattile inizia alle ore 16.00; ulteriori informazioni sul sito del gruppo http://gtu.uniud.it. L'ingresso è libero. Si consiglia la prenotazione al 347/2129932 o a gtu.udine@gmail.com. Realizzato con il contributo di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e Università degli Studi di Udine. GTU Gruppo Teatrale Universitario Udine tel. 347/21.299.32 http://gtu.uniud.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Al via la mostra di Escher: 200 opere al Salone degli Incanti

    • dal 18 dicembre 2019 al 7 giugno 2020
    • Salone degli Incanti
  • Muja Buskers Festival: gli artisti di strada nel segno di Leonardo (VIDEO)

    • dal 23 agosto 2019 al 25 agosto 2020
  • Barcolana, il mare in mostra in una collettiva alla Tribbio

    • dal 5 ottobre 2019 al 5 settembre 2020
  • John Butler in tour: al Rossetti la prima tappa

    • dal 29 aprile 2019 al 29 aprile 2020
    • Teatro Rossetti
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TriestePrima è in caricamento