Dopo 36 anni torna al Verdi "Il Principe Igor"

L'opera di Borodin narra la campagna fallita del principe Igor Svjatoslavic di Novgorod-Severskij nell’antica Rus di Kiev contro gli invasori Poloviciani nel 1185. Valorizzato il ruolo storico del Teatro Verdi e di Trieste quale ponte culturale verso l’Europa orientale grazie alla collaborazione con l’Odessa National Academic Theater of Opera and Ballet

Il Principe Igor’, l’unica opera di Aleksandr Porfir’evic Borodin - incompiuta alla morte improvvisa dell'autore e poi completata e rivista da Nikolaj Rimskij-Korsakov e Aleksandr Glazunov - andrà in scena dopo trentasei anni sul palcoscenico del Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste dall’8 al 16 febbraio: una produzione dell’Odessa National Academic Theater of Opera and Ballet dell’anno 2011, che prevede una versione in due atti e cinque scene: la prima scena del primo atto è ilprologo, la seconda scena del secondo atto è il quarto atto, mentre ilterzo atto, non di pugno di Borodin, non sarà rappresentato.

L’Orchestra e il Coro della Fondazione, insieme al Coro e al Corpo di Ballo del teatro ucraino, saranno diretti dal Maestro Concertatore e Direttore Igor Chernetski, Direttore del Balletto Yury Vasyuchenko, Maestro del Coro Francesca Tosi. La regia è firmata da Stanislav Gaudasinsky, le scene sono di Tatiana Astafieva, le luci di Vyacheslav Usherenko. “Per la Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste – afferma il Direttore artistico, Paolo Rodda – “riportare a Trieste dopo trentasei anni il Principe Igor’ è motivo di grande soddisfazione, anche perché si tratta di uno spettacolo molto impegnativo, che prevede in scena il balletto e un coro imponente. La Fondazione è impegnata in diversi e importanti progetti d’internazionalizzazione: la collaborazione con il prestigioso teatro di Odessa valorizza il ruolo storico del Teatro Verdi e di Trieste quale ponte culturale verso l’Europa orientale”.

L'opera

Il Principe Igor’ narra la campagna fallita del principe Igor Svjatoslavic di Novgorod-Severskij nell’antica Rus di Kiev contro gli invasori Poloviciani nel 1185. Ispirata al poema epico Canto della schiera di Igor, è un'opera altamente coreografica, che raggiunge il massimo della spettacolarità alla fine del secondo atto, quando viene eseguito il pezzo più noto in assoluto, riproposto spesso anche in concerto: le Danze polovesiane.

Odessa National Academic Theater of Opera and Ballet

Il Teatro di Odessa vanta una lunga storia, che risale al 1810, anno in cui iniziò a proporre rappresentazioni di compagnie russe con un repertorio di tragedie, vaudeville e opere comiche. Ben presto però l’Opera italiana si affermò anche a Odessa e il teatro vide rappresentare lavori di Rossini, Bellini, Cimarosa, Donizetti, Verdi e così via… Tanto che Alexander Pushkin disse che l’Opera italiana a Odessa ha “restaurato la sua anima”.

Dopo un incendio che lo distrusse completamente nel 1873, il teatro tornò a lavorare dopo la ricostruzione, nel 1887, e da allora regala produzioni importanti e di altissimo livello.

Maestro Concertatore e Direttore IgorChernetski

Dopo gli studi al Ternopil Music College (l’attuale Accademia Nazionale di Musica di Odessa) nella classe del Professor David Sipitiner, nel 1993-94 si perfeziona alla Hochschule für Musik di Friburgo, nella classe di direzione sinfonica e d’opera di Peter Baberkoff. Nel 1995 ricopre l’incarico di Direttore dell’Odessa Academic Ukrainian Musical and Drama Theater “Vasyl Vasilko” e tra il 1996 e il 1998 dell’Odessa Academic Theater of Musical Comedy “Mikhail Vodyan”.

Dal 1997 è Professore Associato del Dipartimento d’Opera dell’Odessa National Music Academy “Antonina Nezhdanova”. Nel corso della sua carriera ha diretto soprattutto in Ucraina molte orchestre da camera e sinfoniche; si è esibito anche in un ampio repertorio di

titoli d’opera e balletto, oltre che di concerti sinfonici. Ha diretto in Grecia, Germania, Spagna, Belgio, Finlandia e Olanda. Tra i Festival e manifestazioni cui ha partecipato: il Golden Crown (2002), Two Days and Two Nights of New Music (2004 e 2005), Mellow Season in the Odessa Opera (2018), Christmas Festival (2017 e 2018) e il Festival per il 200° anniversario della nascita di Marius Petipa (2018). ​

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Ma perché "Odessa National Academic Theater of Opera and Ballet" in inglese? In Ucraina la lingua ufficiale - grazie a Dio - l'ucraino, e non l'inglese, quindi è evidente che il nome ufficiale dell'istituzione sarà in ucraino e non in inglese. Questo articolo è - grazie a Dio - in italiano, non in inglese. E allora o si citi il nome originale in ucraino oppure si scriva la traduzione: "Teatro nazionale accademico d'opera e balletto di Odessa". Perché tirare in ballo una erza lingua, che non c'entra né con la nazione di partenza né con quella d'arrivo? L'inglese ci viene propinato a ogni piè sospinto, si potrebbe almeno evitare di tirarlo in ballo nei casi in cui non è necessario.

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Donna investita tra via Carducci e passo Pecorari (FOTO)

  • Cronaca

    Addio a Don Giuseppe Markuža, parroco di Sgonico

  • Cronaca

    Morde un dito e sputa in faccia alla guardia giurata: denunciato

  • Cronaca

    Danneggia un cippo di pietra e scappa: la Polizia Locale lo rintraccia

I più letti della settimana

  • Scomparso in val Rosandra, ritrovato il corpo senza vita

  • "Pensione lager" per cani: Trieste su Striscia la Notizia

  • Distrutti in porto 2500 ricambi Hyunday e Kia

  • Film Hollywoodiano a Trieste: tutti i provvedimenti di viabilità

  • Esplosione in via San Marco, persona all'ospedale

  • "Voglio assumere ma nessuno è disposto a lavorare", lo sfogo di un'imprenditrice

Torna su
TriestePrima è in caricamento