Verdi: Turandot, Aida e La Bohème nella stagione 2019 - 2020 (PROGRAMMA)

Apertura della Stagione lirica e di balletto in Giappone e a Trieste doppia inaugurazione con la regia di Katia Ricciarelli. Prima rappresentazione mondiale, una nuova commissione d’opera del Premio Oscar Maestro Nicola Piovani e la regia di Chiara Muti

Una doppia inaugurazione per la stagione lirica e di balletto 2019 - 2020: Turandot il 29 novembre e Aida il 1 dicembre, entrambe per la regia di katia Ricciarelli. Questa e altre novità nei prossimi appuntamenti del Verdi, sorprese che riguarderanno anche la stagione sinfonica con sei concerti più il concerto d'Autunno, due concerti di Capodanno e il concerto inaugurale di Esof 2020, il 5 luglio.

Crescita e internazionalizzazione

"Crescita e internazionalizzazione, nell'equilibrio tra innovazione e tradizione sono le linee guida del percorso artistico del teatro, sintetizzate nel motto 'Sempre più Verdi'". Lo ha dichiarato il sovrintendente Stefano Pace nella sfarzosa conferenza stampa, alla presenza del Sindaco e Presidente della Fondazione, Roberto Dipiazza, dell'Assessore alla cultura della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Tiziana Gibelli, e di numerose autorità. Un evento che ha visto schierate l'orchestra e il coro del teatro nell'esibizione di alcuni brani tratti dai titoli della nuova stagione. Il tutto diretto dal maestro fabrizio Maria Carminati, che dirigerà Aida in dicembre.

Da segnalare l'importanza delle collaborazioni internazionali, e le relazioni virtuose con grandi artisti, oltre che progetti nuovi ma in continuità con la tradizione. "Un insieme di condizioni mai verificatesi prima, che sono il frutto di un lavoro decennale, individuale e di squadra, che proprio a chiusura del Piano di Risanamento ha centrato tutti gli obiettivi artistici e di gestione necessari al rilancio della Fondazione nel panorama musicale italiano e internazionale", spiega una nota del teatro.

La stagione sinfonica

Come accennato, l’attività artistica 2019/2020 si aprirà a settembre con la Stagione sinfonica: in programma sei concerti ai quali si aggiungeranno nel corso della stagione il concerto d’Autunno, i due concerti di Capodanno e il concerto inaugurale di Esof 2020,  il 5 luglio.

La stagione lirica e di balletto

Proprio per sottolineare il valore internazionale della programmazione, la Stagione lirica e di balletto si aprirà il 25 ottobre per la prima volta in Giappone, a Nagoya, con il debutto de La traviata di Giuseppe Verdi per la tournée che porterà l’Orchestra, il Coro e i Tecnici della Fondazione nelle tredici principali città giapponesi (doppia rappresentazione a Tokyo, al Bunka Kaikan). Per chi volesse esser presente alla prima rappresentazione nel Paese del Sol Levante è previsto uno sconto del 50% sul costo del biglietto. Si ringrazia per il contributo Allianz, main partner per la tournée in Giappone del Teatro Verdi. 

A dimostrazione delle capacità tecniche e organizzative raggiunte dal Teatro Verdi, la Fondazione proporrà una doppia inaugurazione della Stagione lirica e di balletto: il primo titolo, in abbonamento, in programma dal 29 novembre sarà la Turandot di Giacomo Puccini, Maestro Concertatore e Direttore Nikša Bareza, regia Katia Ricciarelli.
Il secondo titolo, fuori abbonamento, con prima esecuzione l’1 dicembre 2019, sarà Aida di Giuseppe Verdi, Maestro Concertatore e Direttore Fabrizio Maria Carminati, regia Katia Ricciarelli.

Due nuovi allestimenti della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste in collaborazione con Odessa National Academic Theater of Opera and Ballet.

La Stagione lirica e di balletto proseguirà, come da tradizione nel periodo pre-natalizio (dal 17 al 21 dicembre), con il balletto Don Chisciotte di Aloisius Ludwig Minkus, con la partecipazione del Ballet Company of Lviv National Opera.

Il nuovo anno sarà aperto (dal 17 al 25 gennaio) con Lucrezia Borgia di Gaetano Donizetti, Maestro Concertatore e Direttore Roberto Gianola, regia di Andrea Bernard, un nuovo allestimento della Fondazione in coproduzione con la Fondazione Teatro Donizetti di Bergamo, la Fondazione I Teatri di Reggio Emilia, la Fondazione Teatri di Piacenza e la Fondazione Ravenna Manifestazioni.

Si proseguirà (dal 7 al 15 febbraio) con Boris Godunov di Modest Musorgskij, Maestro Concertatore e Direttore Alexander Anissimov, regia Yurji Tcaika, una produzione del Dnipro Opera and Ballet Theatre di Dnipro, che vedrà l’Orchestra e il Coro della Fondazione esibirsi insieme al Coro e al Corpo di ballo del Dnipro Opera and Ballet Theatre di Dnipro.

Dal 13 al 21 marzo andrà in scena La Bohème di Giacomo Puccini, Maestro Concertatore e Direttore Christopher Franklin, regia Carlo Antonio De Lucia, un nuovo allestimento della Fondazione in coproduzione con Ópera de Las Palmas de Gran Canaria.

Seguirà Pagliacci di Ruggero Leoncavallo (dal 10 al 19 aprile), Maestro Concertatore e Direttore Fabrizio Maria Carminati, regia Victor García Sierra nel nuovo allestimento della Fondazione.

 Dal 15 al 23 maggio, sarà proposto Macbeth di Giuseppe Verdi, Maestro Concertatore e Direttore Fabrizio Maria Carminati, regia Henning Brockhaus, allestimento in coproduzione tra Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste, Fondazione Teatro Carlo Felice di Genova e Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi.

Si concluderà la Stagione lirica e di balletto con una prima rappresentazione mondiale, una nuova commissione d’opera del Premio Oscar Maestro Nicola Piovani che anche dirigerà Amorosa presenza, con la regia di Chiara Muti.

 Amorosa presenza è un’opera in due atti che ha avuto una lunga incubazione. L’idea iniziale del Maestro Nicola Piovani risale al 1977, prima ancora che fosse pubblicato l’omonimo romanzo, e la sua realizzazione è stata fortemente voluta dalla Fondazione. Ambientata negli anni settanta, è la storia di un ragazzo – Orazio (tenore) e una ragazza – Serena  (soprano), che sono innamorati l’uno dell’altra e l’una dell’altro, ma senza conoscersi, senza mai essersi visti da vicino. Per vincere pudore e timidezza si travestono, si incontrano e si frequentano, ma da mascherati: Orazio travestito da femmina e Serena travestita da maschio, inventandosi ognuno un personaggio diverso da sé. Dagli incontri incrociati di questi quattro personaggi nascono intrecci amorosi e schermaglie di gelosia che si concludono in un finale imprevisto.

Un nuovo allestimento di straordinaria rilevanza che la Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste metterà in scena dal 26 giugno al 7 luglio 2020 nell’ambito delle attività proposte per Esof 2020.

Tra ottobre e novembre 2019, visto il successo riscontrato dalle Opere in un atto, la Fondazione riproporrà Il castello incantato di Marco Taralli, in coproduzione con la Fondazione Teatro Lirico di Modena e una nuova commissione e allestimento dal titolo Le nozze di Leonardo di Antonio Di Pofi, opera dedicata a Leonardo da Vinci nel 500° dalla morte; da gennaio a giugno 2020 verranno rappresentate l’Arlecchinata di Antonio Salieri e, in due nuovi allestimenti, saranno programmati gli atti unici Bastiano e Bastiana di W. A. Mozart e Pasticci a Trieste.

Proseguirà inoltre l’attività in Friuli Venezia Giulia con la rappresentazione a Pordenone (18 ottobre 2019) della Carmen di G. Bizet, Maestro Concertatore e Direttore Fabrizio Maria Carminati, regia Carlo Antonio De Lucia, nel nuovo allestimento della Fondazione in coproduzione con Kitakyushu City Opera e del sesto concerto sinfonico.

Tra i numerosissimi artisti di indiscusso livello internazionale presenti in stagione si citano i Direttori Gianluigi Gelmetti, Alexander Anissimov, Julius Kalmar, Nikša Bareza e Fabrizio Maria Carminati, i registi Katia Ricciarelli, Yurji Tcaika, Henning Brockhaus e Chiara Muti, i solisti Giuseppe Albanese, Mariangela Vacatello, Ingrid Fuzjko Hemming, Stefan Milenkovich e,  tra i cantanti, Stefano Secco, Monica Bacelli, Mlada Khudoley, Marcelo Puente, Desirée Rancatore, Béatrice Uria Monzon, Carmela Remigio, Stefan Pop, Taras Shtonda, Amadi Lagha, Giovanni Meoni.

La campagna abbonamenti per la Stagione Sinfonica 2019/2020 e per la Stagione Lirica e di Balletto 2019/2020 si apre oggi, giovedì 11 luglio 2019. Tutte le informazioni necessarie si trovano sul sito del Teatro al link  www.teatroverdi-trieste.com e presso la biglietteria del Teatro Verdi, Numero Verde 800 898 868.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Nudo e ubriaco prende il sole al Cedas davanti a tutti

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

  • Frecce Tricolori: lunedì il volo su Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento