Torna "Trieste Animal Day", in città il fondatore di WWF Italia

Tra numerosi altri appuntamenti, i festeggiamenti culminano martedì 4 ottobre, giornata del patrono di San Francesco, con l'ormai tradizionale benedizione degli animali

Torna dal primo al 4 ottobre in Campo San Giacomo la seconda edizione del “Trieste Animal Day”, ispirato all’omonimo movimento mondiale che celebra la giornata annuale di sensibilizzazione al rispetto degli animali e dell'ambiente.

In tutto il mondo infatti il World Animal Day commemora, il 4 ottobre di ogni anno, il patrono di San Francesco d’Assisi, protettore degli animali e del creato. Così, per il secondo anno di fila, anche Trieste non manca l’appuntamento con una tre giorni di kermesse volta ad attirare l’attenzione del grande pubblico sul problema delle specie animali minacciate dall’uomo e in più generale sull’ambiente.

Se l’anno scorso il comitato promotore “Trieste Animal Day” ha portato a San Giacomo la madrina Susanna Tamaro, quest’anno la manifestazione (organizzata con il Comune di Trieste e patrocinata da: Ministero della Salute, Prefettura di Trieste, Regione Fvg, Provincia di Trieste e Comune di San Dorligo della Valle - Dolina) vedrà la partecipazione del fondatore del WWF Italia, Fulco Pratesi, impegnato il primo ottobre, giorno dell’inaugurazione, ad approfondire il percorso che ha portato a proibire l’uccisione del lupo in Italia e in tutta Europa.

L’appuntamento è alle 9 nella sala “Giovanni Paolo II” (accessibile da via Colombo), dove, subito dopo il saluto delle autorità cittadine, il testimonial Pratesi verrà introdotto al pubblico dalla giornalista Micol Brusaferro.

Il ripopolamento del lupo, negli anni Settanta sull’orlo dell’estinzione, resterà al centro della giornata anche della conferenza successiva, in programma dalle 10.20 alle 13.

Il direttore del Musei Scientifici di Trieste, Nicola Bressi, affronterà la proiezione culturale del lupo nella nostra società in una vivace conversazione dal titolo “Leggende e realtà tra Cappuccetto Rosso e San Francesco. Storie di passione e convivenza”. Al naturalista Mirko Zuppan è affidata invece la storia della straordinaria ripresa che ha permesso a questa specie di riconquistare, negli ultimi 50 anni, tutto l’arco alpino, Friuli Venezia Giulia compreso.

Circa una quindicina gli eventi promossi in Campo San Giacomo nella giornata di domenica, grazie alla collaborazione di una ventina fra associazioni animaliste, ambientaliste e ricreative, che intratterranno grandi e piccini dagli stand espositivi aperti in piazza dalle 10 alle 18.

Evento “clou” della domenica, l’escursione didattica dalla Val Rosandra a San Giacomo, con ritrovo alle 10 alla fermata del bus n.1 di via Orlandini 13-15 o, per chi arriva con mezzi propri, alle 10.30 alla fermata del bus di Draga.

Le guide naturalistiche di lingua italiana e slovena condurranno tutti i curiosi lungo parte del vecchio tracciato ferroviario che dal 1887 al 1959 metteva in comunicazione Trieste con Hrpelje e che oggi è stato valorizzata nella pista ciclabile “Giordano Cottur”.

La partecipazione all’escursione è gratuita previa iscrizione obbligatoria, che può essere effettuata da lunedì 19 a venerdì 30 settembre chiamando la segreteria del Comitato promotore al numero 333.2753116 (8.30-10; 13-14.30) o scrivendo un’email a info@triesteanimalday.it.

Tra numerosi altri appuntamenti (il programma completo è disponibile sul sito “Triesteanimalday.it”), i festeggiamenti culminano martedì 4 ottobre, giornata del patrono di San Francesco, con l’ormai tradizionale benedizione degli animali, che verrà impartita davanti al sagrato della chiesa di San Giacomo dall’Arcivescovo Monsignor Giampaolo Crepaldi.

Attesi centinaia di padroncini con i loro amici a quattro zampe, che già l’anno scorso hanno riempito la piazza con i propri cani, gatti, conigli e perfino pappagalli. La benedizione sarà accompagnata dal coro di voci bianche “Piccoli in coro”,  cui seguirà la raccolta fondi per gli animali delle famiglie meno abbienti proposta dal Banco Alimentare Zoologico.

L’edizione 2016 del “Trieste Animal Day” chiude la sera stessa all’insegna della musica, alle 20.30 nella Sala Tripcovich di Trieste con la “Sesta Sinfonia” di Beethoven e il “Prèlude à l’après midi d’un faune” di Debussy, che verranno eseguiti dall’orchestra giovanile “San Giusto”, diretta dal Maestro Jacopo Brusa. Una serata dedicata a Beato Francesco Bonifacio per il 70° anniversario del suo martirio che verrà ricordato con la lettura di una sua omelia e una sintesi della sua biografia. L’evento vedrà anche la partecipazione dell’attore triestino Francesco Gusmitta, impegnato a interpretare il “Cantico delle Creature” e il “Fioretto del lupo feroce”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    A4, viadotto tagliamento: aperta direzione Venezia, presto Trieste (FOTO)

  • Cronaca

    Spot Terminal Passeggeri, Negrisin (Xerianpartners): “Mai specificata committenza”

  • Sport

    Tuiach perde il titolo di campione dei pesi massimi

  • Green

    Stagno a Basovizza "ripulito" da piante infestanti (FOTO)

I più letti della settimana

  • Terremoto di magnitudo 3.8 a 37 km da Trieste, sentito ai piani alti

  • Incidente sulla Costiera: frontale auto-furgone, 3 feriti gravi

  • Furgone inseguito dai Carabinieri si schianta in un frontale tra Col e Opicina

  • Schianto nella galleria di via Carnaro: grave il conducente

  • Una macchina si cappotta sulla curva dell'Italcementi, chiusa la GVT

  • Investe un'anziana in via dell'Istria e scappa: rintracciato dalla Polizia locale

Torna su
TriestePrima è in caricamento