“Mitteleuropean Race 2018”: torna la gara internazionale di regolarità per automobili storiche

Viva attesa tra gli appassionati del genere, ma non solo (perchè la vera bellezza attrae tutti e non solo gli “specialisti”), per l'ormai imminente “Mitteleuropean Race 2018”, un evento che, giunto alla sua terza edizione, prevede lo svolgimento, fra sabato 2 e domenica 3 giugno, di una Gara internazionale di regolarità per automobili storiche, articolata in due tappe che si snoderanno fra Trieste, Gorizia e il Collio fino a Cividale nella prima giornata, e nel Litorale sloveno fino a Pirano e Portorose nella seconda, avendo nella nostra città la “base” centrale per partenze e arrivi, cerimonia di premiazione e soggiorno dei partecipanti.
Peraltro con un significativo “prologo d'onore”, all'insegna dell'amicizia e del turismo di livello, già nella giornata di domani, venerdì 1, nella vicina località slovena di Lipiza dove i partecipanti si raduneranno nel primo pomeriggio per compiere le prime verifiche tecniche e il primo briefing con il direttore di gara, ma anche per visitare l'Equile Lipizzano e assistere al tradizionale spettacolo equestre, oltre che per la presentazione dei partners e per la cena ufficiale di apertura della manifestazione, per poi scendere a Trieste per il primo pernottamento in un grande albergo delle Rive.

Ma sarà – come detto – sabato mattina (2 giugno) che l'evento entrerà “nel vivo” con la partenza, alle ore 10.30, da piazza della Borsa, della “prima tappa” (da rilevare che il programma originario, che prevedeva lo “start” da piazza dell'Unità, ha dovuto venir modificato a causa delle concomitanti manifestazioni celebrative della Festa della Repubblica, con il conseguente “dirottamento” logistico della “Mitteleuropean Race” appunto in piazza della Borsa). E sarà dunque da quest'altra storica piazza triestina – un sito comunque pregevole, funzionale e gradito, come hanno sottolineato gli organizzatori - che, alle 10.30, il primo equipaggio avvierà il motore per dirigersi verso Aurisina, il Castello di Spessa, Cormons e Dolegna del Collio (dove si svolgerà il pranzo presso le pregiate Cantine Venica&Venica, sponsor della manifestazione) per poi proseguire fino a Cividale e quindi invertire la marcia verso Gorizia (con sosta e visita al Castello) e tornare infine a Trieste, dove, verso le ore 19.30, è prevista l'apparizione, sempre in piazza della Borsa, del primo arrivato di questa tappa. La giornata si concluderà con una cena di gala al Castello di San Giusto, messo a disposizione dal Comune.

Uno “schema” analogo – basato come si vede su un “mix” di passione per le “vecchie signore” della strada e per l'interesse dei partecipanti per le prelibatezze enogastronomiche e le non poche attrattive paesaggistiche e culturali di questi nostri territori - si riproporrà il giorno successivo, domenica 3 giugno, con la “seconda tappa” che, sempre partendo da Trieste-piazza della Borsa (alle ore 8.30), si sposterà nelle zone della Slovenia a noi più vicine, toccando il Castello di San Servolo-Socerb, Hrastovlje, e poi Portorose e Pirano, per rientrare verso le ore 13.30 a Trieste, stavolta sì “entrando” e sfilando “a far passerella” in piazza dell'Unità, per terminare comunque in piazza della Borsa. Premiazioni e pranzo finale concluderanno questa raffinata “avventura”.

A proposito della quale gli organizzatori, riuniti nell'Associazione Sportiva Dilettantistica “Adrenalinika” di Trieste, con Maurizio De Marco, Riccardo Novacco, Susanna Serri e altri appassionati, hanno voluto anche sottolineare – nella conferenza di presentazione tenutasi ieri nel Salotto Azzurro del Municipio con il Sindaco Dipiazza e l'Assessore al Turismo e Promozione del Territorio Maurizio Bucci – il rilevante livello storico e collezionistico, oltre che sportivo e culturale, dell'iniziativa.
«Oltre la metà delle quasi 50 auto partecipanti – ha spiegato Novacco - appartengono infatti al cosiddetto “1° Raggruppamento” delle vetture storiche, il che significa che si tratta di veicoli costruiti prima della Seconda Guerra Mondiale. E questo è un dato che conferisce un alto valore alla qualità del parco auto al via sabato a Trieste».

Anche da ciò deriva l'alto riconoscimento alla “Mitteleuropean Race” triestina attribuito dall'Automobil Club d'Italia che l'ha inserita nell'ambito novero del nuovo Trofeo “Super Classic Cup 2018” di ACI Sport, riservato alle otto più prestigiose gare di Regolarità Classica.
Ancora Novacco ha tenuto a rimarcare l'altro fondamentale aspetto, quello di “marketing territoriale” a favore della nostra città e dell'area circostante, «intento preciso con il quale è sorta nel 2016 questa iniziativa, cresciuta da allora in prestigio e visibilità nazionale e internazionale, tanto che i 50 equipaggi provengono quest'anno da tutti Paesi del mondo, con un notevole “ritorno d'immagine” altamente positivo per Trieste e il nostro territorio. Naturalmente e ulteriormente rafforzato dal prestigioso 'marchio' che ha voluto sostenerci quale partner principale: lo storico 'biscione' dell'Alfa Romeo!»

«Senza trascurare – come ha precisato l'“esperto” Maurizio De Marco – i bei nomi che in questi giorni punteranno alla vittoria – sia pure, come sappiamo, nei limiti della sola “regolarità” -: assieme a Giuliano Canè ci saranno Luca Patron (che a Brescia, alla recente Mille Miglia, è partito con una O.M. 665 S Superba 2000, e solo un guasto lo ha tolto di gara), e la coppia Salvinelli-Ceccardi (e Salvinelli è attualmente al comando del Campionato Super Classiche, la serie ideata da ACI Sport della quale l’evento triestino, come detto, fa parte). Ma ci sarà pure Arturo Merzario, l'ex della Ferrari dei primi anni '70 e campione del mondo “marche” con la Alfa Romeo, noto anche per aver salvato dalle fiamme Niki Lauda nel drammatico incidente al Nürburgring nel 1976».
Ancora De Marco ha infine ricordato l'ultimo ma non secondario aspetto di questa edizione della gara, ovvero l'aver aderito al Progetto “MITE”, organizzato in collaborazione con l'Unione Italiana Ciechi per consentire, in questo tipo di competizioni, che anche i non vedenti o ipovedenti vi possano partecipare. In questo caso la “protagonista” sarà Daniela, una ragazza non vedente di Brescia che farà da “navigatore” al pilota Angelo Seneci, pure bresciano, leggendogli il percorso su una mappa con caratteri Braille.

Vivissime congratulazioni per l'intera iniziativa, e per i suoi tanti e importanti aspetti, sono state espresse dal Sindaco Dipiazza che ha ribadito come manifestazioni di questo tipo siano «sempre più importanti per il prestigio e il livello di una Città che sugli eventi culturali di ogni tipo dovrà puntare sempre di più, assieme alla valorizzazione dei suoi preziosi contenitori e patrimoni architettonici e paesaggistici».
L'Assessore Maurizio Bucci, dal canto suo, ha definito la “Mitteleuropean Race” un “esempio concreto di quelle iniziative di qualità cui il Comune di Trieste guarda, nell'ambito del più ampio Piano del Turismo, per la maggior promozione del territorio e una sempre più ampia visibilità nazionale e internazionale della nostra Città».
(ulteriori informazioni sul sito: www.mitteleuropeanrace.it)

gara automobili-2

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • io ho una 127 giallo-canarino morto, posso venire?

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

I più visti

  • Muja Buskers Festival: gli artisti di strada nel segno di Leonardo (VIDEO)

    • dal 23 agosto 2019 al 25 agosto 2020
  • “Abbi cura di me Tour”, Cristicchi torna sul palco del Rossetti

    • dal 22 novembre al 18 dicembre 2019
    • Politeama Rossetti
  • Patti Smith, la sacerdotessa del rock arriva al Rossetti

    • 26 novembre 2019
    • Teatro Rossetti
  • Il coro più famoso al mondo torna a Trieste, al Rossetti due date dell'Harlem Gospel Choir

    • dal 21 al 22 dicembre 2019
    • Politeama Rossetti
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TriestePrima è in caricamento