Yann Tiersen in concerto al Rossetti, unica tappa in tutto il Triveneto

Il tour del compositore e polistrumentista francese Yann Tiersen anticipa l’uscita del nuovo album di inediti “All”

Nato a Brest in Bretagna, nel 1970, il compositore e polistrumentista francese Yann Tiersen è uno dei più importanti, versatili e poliedrici compositori della scena strumentale internazionale. Il successo arriva in Francia nel 1998 con la pubblicazione del terzo disco “Le Phare” e nel 2001 in tutto il mondo, grazie alle musiche della colonna sonora del film “Il Favoloso Mondo di Amélie”. Negli anni ha poi musicato altre pellicole di altissimo livello, tra cui “Good Bye Lenin!”, “Tabarly” e numerosi cortometraggi. Più volte paragonato a Erik Satie o Nina Rota, Yann Tiersen è un artista senza limiti e confini, in grado di spaziare dalla classica sino all’elettronica e alla musica popolare.

Anticipato nelle settimane scorse dal brano “Tempelhof” (audio https://goo.gl/UdXGvU), Yann Tiersen ha annunciato per il 15 febbraio 2019 l’uscita del nuovo album di inediti “All”, che sarà supportato da un nuovo tour, che toccherà i principali teatri del mondo e include anche due date alla Royal Festival Hall di Londra. A grande richiesta ritornerà in Italia a marzo: il 19 marzo 2019 il Politeama Rossetti di Trieste ospiterà l’unico concerto nell’intero Triveneto – organizzata dall’agenzia VignaPR srl in collaborazione il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia – riportando così il compositore in Friuli Venezia Giulia, dopo lo storico concerto dello scorso agosto sull’Altopiano del Montasio al No Borders Music Festival.

I biglietti saranno in vendita a partire dalle ore 10:00 di giovedì 6 dicembre online su Ticketone.it, su Vivaticket.it, nei punti vendita autorizzati e alle biglietterie del Rossetti.

“All” è il primo album di Yann Tiersenregistrato nel suo nuovo studio, The Eskal Project, costruito in una discoteca abbandonata sull'isola di Ushant, una piccola isola situata tra il mare della Bretagna e la Cornovaglia, la sua casa negli ultimi 10 anni.

Il disco, mixato da Gareth Jones, riprende i temi legati all'ambiente e la connessione con la natura già esplorati nell’ultimo lavoro Eusa, aggiungendo registrazioni di suoni presi anche da altre parti del mondo oltre alla Bretagna, come le Redwood Forests della California o le registrazioni dei campi dell'aeroporto di Tempelhof a Berlino (da qui il titolo del primo singolo “Tempelhof”), e prevede anche alcuni ospiti vocali.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Maxi tamponamento in viale Miramare, otto auto coinvolte

  • Cronaca

    Genova, il nuovo ponte sarà costruito da Fincantieri e Salini

  • Cronaca

    La sala Tripcovich torna di proprietà del Comune di Trieste

  • Cronaca

    Ristrutturato campo del "Trieste Calcio" a Borgo San Sergio

I più letti della settimana

  • Trieste piange Jennifer e Massimo, trovati i corpi senza vita

  • La tragica escursione dei due colleghi morti in montagna

  • È record: a Trieste il valzer più grande del mondo

  • I 10 libri da regalare a Natale per capire Trieste

  • Incidente ex GVT, parla il padre della vittima (FOTO)

  • Scomparsi sul Lussari, i due triestini visti da una fototrappola

Torna su
TriestePrima è in caricamento