Tesi di laurea: i consigli per scrivere un buon elaborato

Dopo aver completato il percorso di studi in modo brillante, l'ultimo step che ogni studente universitario deve affrontare è quello della stesura dell'elaborato finale: la tesi di laurea. Ecco alcuni consigli per una scrittura efficace

Dopo aver completato il percorso di studi in modo brillante, l'ultimo step che ogni studente universitario deve affrontare è quello della stesura dell'elaborato finale: la tesi di laurea. Un traguardo sognato da molti studenti, ma che allo stesso tempo può suscitare qualche perplessità, soprattutto se si è alle prime armi. Se la domanda che vi siete posti è: "da dove devo iniziare?", oggi vi diamo qualche suggerimento utile per scrivere una buona tesi di laurea.

Come iniziare

Per prima cosa bisogna avere ben chiaro l'argomento da trattare e dividerlo in parti ben precise che poi verranno approfondite. Definire la struttura della tesiè fondamentale. Solitamente, una tesi deve essere suddivisa in 5 blocchi, che possono poi variare a seconda del corso di laurea e in base alle indicazioni del proprio relatore. Tra queste ricordiamo:

  • L'introduzione: dove si spiega in linea generale il percorso svolto per realizzare l'elaborato, dando magari anche una motivazione del perché si è scelto quel determinato argomento.

  • Suddivisione per capitoli: solitamente questi sono tre e a loro volta, poi, verranno suddivisi per paragrafi e all'occorrenza sottopragrafi. Questa parte è il fulcro della tesi, dove verrà esplicato il contenuto. All'interno dei capitoli verranno fatti i vari approfondimenti del caso.

  • Risultati: in questa sezione dovete raccontare i risultati a cui siete giunti, soprattutto se si tratta di una tesi sperimentale (lavoro orientato alla dimostrazione di un’idea legata ad un determinato argomento).

  • Conclusioni: nell’ultima sezione dovrete fare il punto della situazione, riprendendo i punti chiave del metodo di ricerca adottato, dei risultati individuati e delle vostre conclusioni a riguardo.

  • Bibliografia e sitografia: infine, terminate il vostro lavoro citando i riferimenti bibliografici di cui vi siete serviti, sia che siano libri, articoli di giornale, ricerche o siti internet.

Il contenuto

Dopo aver definito la struttura, dovrete riempirla con dei contenuti che possano impressionare il vostro relatore e la commissione di laurea. Prima di iniziare a scrivere procedete con la ricerca del materiale. Nessuno deve avere timore se al primo invio la tesi non risulta perfetta, inizialmente il lavoro è una bozza e il relatore serve proprio a questo, a guidarvi e corrergervi per poter arrivare ad un risultato ottimale. Un consiglio è quello di racimolare diversi contenuti collegandoli fra loro, e individuarne la giusta posizione.

La forma

Scrivere una tesi di laurea significa anche saper comunicare efficacemente le proprie idee. Per farlo, dovete rispettare alcune regole:

  • Utilizzate frasi brevi e concise.

  • Attenzione agli errori ortografici.

  • Evitate espressioni gergali.

  • Rispettate la regola dell’italiano: soggetto-verbo-complemento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ma studiare durante la notte è conveniente?

  • Come diventare istruttore di nuoto, il percorso formativo necessario

  • Addetti primo soccorso per le aziende, al via il corso a Trieste

  • EnAIP FVG: parte il corso di formazione degli operatori elettrici PES e PAV

  • Aerei di linea, le licenze necessarie per diventare piloti

  • Maturità 2020, le date e le materie della seconda prova indirizzo per indirizzo

Torna su
TriestePrima è in caricamento