Ma studiare durante la notte è conveniente?

A chi non è mai capitato di arrivare impreparato pochi giorni prima di un esame universitario e trovarsi costretto a studiare durante la notte? Sicuramente un po' a tutti, ma sapevate che l'efficacia nello studio dipende anche dalla scelta del “momento giusto”?

A chi non è mai capitato di arrivare impreparato pochi giorni prima di un esame universitario e trovarsi costretto a studiare durante la notte? Sicuramente un po' a tutti, ma sapevate che l'efficacia nello studio dipende anche dalla scelta del “momento giusto”?

Qual è il momento migliore per studiare?

Studiare di notte non è l’ideale per la maggior parte degli studenti, ma le eccezioni esistono veramente. Mediamente il nostro cervello è più ricettivo durante le ore del mattino, dopo un bel sonno notturno e dopo una buona colazione. Quindi: è la mattina il momento migliore per poter studiare e memorizzare efficacemente. Il pomeriggio, invece, è più indicato per il ripasso e non sempre per la memorizzazione dei concetti nuovi.

Studiare di notte: vantaggi e svantaggi

C'è da dire, però, che ognuno di noi ha diverse capacità di apprendimento anche nelle varie fasce orarie, oltre che avere diverse esigenze di riposo. Molti studenti, infatti, preferiscono studiare durante la notte per diversi motivi: ad esempio, generalmente di sera si è più calmi e rilassati, quindi più propensi ad attività cognitive anche impegnative. Inoltre, regala i benefici di un ambiente più tranquillo e silenzioso. Infine, studiare poco prima di dormire permette di consolidare le informazioni. Di contro, però, il cervello stanco, dopo un'intera giornata di attività, potrebbe risultare meno ricettivo e, di conseguenza, memorizzare concetti complessi potrebbe risultare più difficile. Inoltre, non tralasciate mai il riposo, dormire le giuste ore durante la notte permette di essere carichi per il nostro successivo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Studiare di notte: consigli

Ma come rendere efficace lo studio notturno? In primo luogo, cercate sempre di studiare da seduti. Studiare sul divano potrebbe farvi addormentare. Attenzione con il consumo di caffè, anche se è un aiuto contro il sonno e la stanchezza, esagerare può comportare notti insonni e a una scarsa reattività durante il giorno. Al contrario, provate ad alzarvi ogni tanto e camminare per la stanza per rendere lo studio meno noioso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: le possibili novità per la maturità 2020

  • Calendario scolastico 2020/2021: il Fvg inizia il 16 settembre

  • Media scolastica, i fattori da tenere in considerazione e come calcolarla in modo corretto

  • Insegna da casa: da Google una pagina dedicata alla didattica online

  • Stop alla didattica a distanza per le vacanze di Pasqua

  • Come diventare elettricista, competenze e formazione

Torna su
TriestePrima è in caricamento