Merlo acquaiolo nidifica in val Rosandra, scatta il divieto di arrampicata

La presenza è stata accertata dalla Forestale di Trieste il 17 maggio. Il comune di San Dorligo della Valle/Dolina ha ordinato il divieto di accesso, di arrampicata e di sorvolo di droni nell'area della cascata. L'ordinanza scade il 20 maggio

foto di Alessandro Laporta

Il merlo acquaiolo ha nidificato in val Rosandra e automaticamente scatta l’ordinanza di divieto di arrampicata sulle pareti della celebre cascata. La notizia dell’osservazione di questa specie di particolare pregio è del 17 aprile scorso, quando la stazione forestale di Trieste ne ha accertato la presenza informando il comune di San Dorligo della Valle/Dolina che a sua volta ha diramato l’ordinanza. 

Fino a 10 metri dalla cascata

I divieti valgono anche per gli escursionisti che si spingono fino alla cascata del torrente Rosandra e che non potranno accedere nell’area di 10 metri intorno al perimetro della vasca sottostante. Inoltre, è interdetto anche il sorvolo di droni di qualsiasi tipologia, dimensioni e massa intorno all’area. Ai trasgressori verrà applicata una sanzione basata sull’articolo 39 della legge regionale 42 e che prevede una multa di circa 100 euro. L’ordinanza vale fino al 20 maggio, periodo in cui indicativamente dovrebbe terminare il periodo di nidificazione della specie.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Nudo e ubriaco prende il sole al Cedas davanti a tutti

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

  • Frecce Tricolori: lunedì il volo su Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento