Ambiente: caccia ai rifiuti per 60 studenti della Rismondo di Gorizia

Puliamo il Mondo, la più vasta azione di volontariato ambientale del pianeta, che da 25 anni punta a ripulire il territorio da rifiuti abbandonati

Anche quest'anno è tornato Puliamo il Mondo a Gorizia, nel contesto della più vasta azione di volontariato ambientale del pianeta, che da 25 anni punta a ripulire il territorio da rifiuti abbandonati. L'iniziativa organizzata da Legambiente in collaborazione con l'assessorato all'ambiente del Comune di Gorizia, e il supporto di Isontina Ambiente, ha coinvolto 60 studenti della scuola primaria "Rismondo" e si è svolta in città fra i parchi di Baiamonti e del castello a caccia di rifiuti, facendo ovviamente la raccolta differenziata.

I mozziconi di sigaretta

Nonostante a Gorizia non manchino cestini, molti continuano a gettare a terra piccoli rifiuti, un comportamento estremamente dannoso. Il caso più eclatante sono i mozziconi di sigaretta - raccolti a centinaia dagli studenti - che richiedono fino a 10 anni per degradarsi e nel frattempo rilasciano sostanze tossiche (le stesse che si inalano), benché esistano posacenere in tutto il centro cittadino e in commercio si trovino anche porta-mozziconi da tasca.

Plastica, lattine, bottiglie

Ma non sono mancate bottiglie di plastica, vetro e lattine abbandonate soprattutto nel parco del castello, per un totale di 10 sacchi di medie dimensioni. Per questo attraverso Puliamo il Mondo si vuole educare le nuove generazioni a prendersi cura di un pianeta sempre più malato, ma nella speranza che le cose possano migliorare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Tuiach porta in tribunale Parisi ma perde la causa

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

Torna su
TriestePrima è in caricamento