Gatti ribelli in casa? I trucchi per una perfetta convivenza

A differenza dei cani, i gatti hanno un carattere particolare e tengono molto di più alla loro indipendenza. Addestrare un gatto non è di certo semplice come addestrare un cane, ma è comunque possibile grazie a dei piccoli trucchi

I gatti sono animali misteriosi ed eleganti. A differenza dei cani, però, hanno un carattere abbastanza particolare e tengono molto di più alla loro indipendenza. Chi ama i gatti e ne possiede uno in casa sa sicuramente di cosa stiamo parlando. Addestrare un gatto non è di certo semplice come addestrare un cane, ma è comunque possibile.

Come addestrare un gatto?

"The trainable cat": un libro di John Bradshaw e l’esperta di felini Sarah Ellis che spiega come addestrare un gatto. Prendendo spunto da cosa dicono i due autori, partiamo dal presupposto che i gatti, in realtà, non sono fatti per stare chiusi in un appartamento, di conseguenza il loro istinto felino prima o poi li porterà ad essere aggressivi e poco quieti. Il segreto è cercare di trasformare il luogo in cui vivono in un posto dove possano trovare gli stimoli necessari per sfogarsi (un tiragraffi, delle palline ad esempio). Ecco, dunque, qualche consiglio utile:

  1. Mai più morsi e graffi: i gatti, presi dall’euforia del gioco, iniziano a tirare fuori denti e artigli. Un buon modo per non farsi graffiare è quello di smettere immediatamente di giocare con loro e restare immobili. Se vorrà giocare, capirà in fretta cosa non deve fare per continuare.

  2. Mai più il gatto sul tavolo da cucina e i mobili: applica del nastro biadesivo e mettile sui bordi del tavolo, probabilmente smetterà di salirvi perché assocerà quel gesto al fastidio di sentirsi tirare i peli. Per evitare di fargli graffiare i mobili, invece, puoi cospargerli leggermente con dell’essenza agrumata, profumo insopportabile per questi piccoli e ribelli felini.

    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
  3. Esattamente come faresti con un cane, premia il tuo gatto quando si comporta bene e fagli capire, invece, quando si comporta male. Attenzione però: non dare punizioni troppo severe perché potrebbe provocare l'effetto inverso: il gatto spaventandosi potrebbe diventare più aggressivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intimano l'alt e gli puntano il fucile contro: la gita in bosco si trasforma in un incubo

  • Non solo transfrontalieri: chi può entrare in Slovenia dal 26 maggio

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • Un aiuto per pagare l'affitto: al via il bando del Comune

  • Sparatoria a Nova Gorica, coinvolte più persone

  • Fucile contro un giovane italiano, Serracchiani a Di Maio: "Chiarisca l'episodio con Lubiana"

Torna su
TriestePrima è in caricamento