Fattura elettronica, cos'è e come funziona

L’obbligo di fatturazione elettronica è stato introdotto dalla Legge di Bilancio 2018 con l'obiettivo di contrastare l’evasione e le frodi fiscali in materia di IVA. In sostanza, la fattura elettronica è un documento in formato digitale, ecco come funziona

Foto di Giovanni Aiello

Con l'espressione "fatturazione elettronica" si intende il processo attraverso il quale si gestisce l'emissione, l'invio, la tenuta e la conservazione digitale di una fattura. La fattura elettronica è un documento in formato digitale prodotto in formato XML che presenta caratteristiche precise:

  • il contenuto deve essere immutabile e non alterabile nel tempo;

  • è la sola tipologia di fattura accettata dagli enti di Pubblica Amministrazione che, secondo la legge, sono tenuti ad avvalersi del Sistema di Interscambio.

Per essere immutabile e non alterabile, la fattura elettronica deve poter attestare la data di emissione, l'autenticità della provenienza e l'integrità del contenuto.

Cosa dice la normativa?

La normativa prevede:

  • che su ciascuna fattura elettronica sia contenuta anche la firma elettronica;

  • l'utilizzo del sistema di Electronic Data Interchange (E.D.I.), a condizione che siano rispettate le raccomandazioni contenute nella Direttiva CE n. 94/820/CE del 19/10/2004. Questo sistema, in Italia chiamato SdI (Sistema di Interscambio) serve a verificare i dati indicati nella fattura e l'indirizzo telematico del destinatario.

Obbligo della fattura elettronica

L’obbligo di fatturazione elettronica è stato introdotto dalla Legge di Bilancio 2018 con l'obiettivo di contrastare l’evasione e le frodi fiscali in materia di IVA, infatti, con l’invio digitale al SdI, l’Agenzia delle Entrate ha a disposizione in pochissimo tempo tutti i dati relativi alle operazioni di acquisto e cessione effettuate.

Fattura elettronica e cartacea: le differenze

I dati da riportare nella fattura elettronica - che può essere redatta solo ed esclusivamente tramite supporto digitale - sono identici a quelli che si riportavano nelle precedenti fatture cartacee, la differenza è che insieme a questi comparirà anche l’obbligo di indicare l’indirizzo telematico di consegna della fattura. Ma il cambiamento più importante è dato sicuramente dal Sistema di Interscambio che ha una fondamentale funzione di controllo preventiva. Solo dopo aver superato tale controllo, la fattura verrà recapitata al destinatario e quindi potrà essere considerata emessa.

Come funziona la fattura elettronica?

Per compilare ed emettere la fattura elettronica, bisognerà possedere:

  • un supporto elettronico (pc, tablet, cellulare);

  • il programma che consente la compilazione del file della fattura nel formato XML.

Invece, per quanto riguarda le modalità di ricezione, sono previste tre diverse modalità:

  • tramite PEC;

  • tramite hub o software di mercato;

    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
  • tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate, utilizzando il servizio gratuito Fatture e Corrispettivi.

False mail sulla fatturazione elettronica, attenzione alle truffe via PEC

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intimano l'alt e gli puntano il fucile contro: la gita in bosco si trasforma in un incubo

  • Non solo transfrontalieri: chi può entrare in Slovenia dal 26 maggio

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • Un aiuto per pagare l'affitto: al via il bando del Comune

  • Sparatoria a Nova Gorica, coinvolte più persone

  • Fucile contro un giovane italiano, Serracchiani a Di Maio: "Chiarisca l'episodio con Lubiana"

Torna su
TriestePrima è in caricamento