Rapporto di compressione: cos'è e come si calcola

Il rapporto di compressione è fondamentale per mantenere efficienti le prestazioni della nostra auto. Scopriamo nel dettaglio di cosa si tratta, come fare per calcolarlo e, soprattutto, quali parametri tenere in considerazione

Il rapporto di compressione è un indice del funzionamento di una macchina termica, motrice o operatrice. Esso può essere calcolato in modi diversi e può variare a seconda delle consuetudini tecniche e del tipo di macchina considerato. In sostanza, si tratta del rapporto che esiste tra i volumi della camera a scoppio misurati quando il pistone è al massimo e al minimo della sua corsa. Scopriamone di più, e soprattutto come misurarlo.

Il rapporto di compressione

Quando su una vettura le valvole di aspirazione e di scarico sono chiuse e il pistone si muove, la miscela di aria e carburante viene compressa perché non può fuoriuscire. Il rapporto di compressione è proprio il cambiamento del volume del cilindro durante questo processo, e quindi il rapporto tra la cilindrata unitaria sommata al volume della camera di combustione e il volume della sola camera di combustione. Esso è determinato da 5 fattori:

  • la variazione del volume del cilindro;

  • il volume della camera di combustione;

  • il volume della testa del pistone;

  • il volume della guarnizione della testa;

  • il volume residuo quando il pistone è al punto morto superiore.

Come si calcola?

Molto importante ai fini del calcolo è il rapporto volumetrico, ossia la differenza tra i volumi della camera stessa che si hanno quando il pistone è totalmente all’interno o all’esatto opposto. Considerando che il punto morto del pistone genera uno spazio morto all’interno del cilindro, possiamo in linea generale osservare la seguente formula per ottenere il valore del rapporto di compressione: p = Vo + Vc / Vc, e cioè:

  • p indica il valore del rapporto di compressione;

  • Vo indica il valore volumetrico del cilindro senza lo spazio morto;

  • Vc indica il valore volumetrico dello spazio morto del cilindro.

Prima di qualsiasi operazione, ricorda di consultare il manuale del tuo veicolo, necessario per sapere le misure di alcune parti del motore. Per prima cosa, pulisci il motore e inizia con il misurare il diametro interno (detto anche calibro) del cilindro. Misura la distanza tra le due posizioni di minima e massima escursione del pistone (detti punto morto superiore e punto morto inferiore). Questa distanza si chiama corsa del pistone. Cerca il volume della camera a scoppio e il valore dell'altezza di compressione sul manuale. Infine, cerca, sempre sul manuale, il volume della testa del pistone. A questo punto, calcola il volume residuo all'escursione del pistone al punto morto superiore (calibro x calibro x 3,14 x la distanza tra il pistone e la battuta finale del cilindro). Misura lo spessore e il calibro della guarnizione di testa. Ovviamente, per misurare ti serviranno degli attrezzi specifici. Dopo aver ottenuto tutte le informazioni necessarie utilizza la formula.

Consigliamo di far svolgere queste operazioni a del personale esperto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta esplosione in zona Campanelle, gravissimi due giovani

  • Terrore a Barcola: spari in pineta, è caccia all'uomo

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Sparatoria con inseguimento a Barcola, arrestato a Grignano

  • Sparatoria ed inseguimento a Barcola, sullo sfondo una storia di droga

  • Spari a Barcola: è un avvocato l'arrestato per spaccio di droga

Torna su
TriestePrima è in caricamento