Fari fendinebbia o abbaglianti? I consigli per guidare in sicurezza in caso di nebbia

Sembra scontato dire di evitare di mettersi alla guida durante i giorni di nebbia per evitare spiacevoli incidenti e qualsiasi tipo di problema, ma se proprio non se ne può fare a meno, è bene tenere a mente delle regole fondamentali per viaggiare in sicurezza

Durante la stagione invernale, la nebbia è uno dei pericoli maggiori per chi si mette alla guida. La nebbia assorbe la luce e la disperde, riducendo notevolmente il contrasto cromatico e di conseguenza la visibilità, una serie di rischi che possono comportare incidenti stradali di vario tipo. Sembra scontato dire di evitare di mettersi alla guida durante i giorni di nebbia per evitare qualsiasi tipo di problema, ma se proprio non se ne può fare a meno, è bene tenere a mente delle regole fondamentali per viaggiare in sicurezza.

Moderare la velocità

Ridurre la velocità è fondamentale in caso di nebbia, dal momento che si ha poca visibilità della strada e di ciò che vi è presente. Anche mantenere la distanza di sicurezza è particolarmente importante per evitare tamponamenti. In questo caso, è bene segnalare l’entrata in un banco di nebbia con le quattro frecce ed evitare sorpassi. 

Fari fendinebbia

Fortunatamente oggi le auto sono dotate di dispotitivi tecnologici che possono venirci in aiuto in caso di nebbia. Una delle particolarità della nebbia è la sua tendenza a diradarsi in un sottile strato di poche decine di centimetri al di sopra del suolo. Proprio per questo motivo, sulle auto i fari fendinebbia sono montati più in basso rispetto agli anabbaglianti. Questa soluzione consente alla luce prodotta di penetrare all’interno di questo strato di nebbia e avere un’illuminazione migliore della strada e della segnaletica.

Abbaglianti

Un errore comune in cui spesso si casca è quello di utilizzare gli abbaglianti credendo di migliorare la visibilità in caso di nebbia. Non è così. Una luce potente e concentrata come quella degli abbaglianti, infatti, rifletterà sulla nebbia, creando così una sorta di “muro luminoso” e riducendo ulteriormente la visibilità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento