Sesso in auto, quando diventa reato e quali sono le sanzioni

L'atto sessuale compiuto in luoghi pubblici rappresenta, a determinate condizioni, un comportamento illecito, sanzionato dal nostro ordinamento. Ecco cosa si rischia se si viene sorpresi dalle forze dell’ordine a fare sesso in auto in un luogo pubblico

Cosa si rischia se si viene sorpresi dalle forze dell’ordine mentre si fa sesso in auto? L'atto sessuale compiuto esclusivamente in luoghi pubblici rappresenta, a determinate condizioni, un comportamento illecito, sanzionato dal nostro ordinamento. Dal 2016, in via generale, fare sesso in auto non è di per sé un reato, ma può diventarlo in base alle circostanze, all’orario e al luogo scelto per sostare e intrattenersi in auto. A punire tale comportamento è l'art. 527 del codice penale.

Possibile reclusione

Dopo la depenalizzazione del 2016, gli atti osceni in luogo pubblico vengono considerati un illecito amministrativo punito con severe multe, il reato vero e proprio scatta in alcune condizioni particolari, in poche parole, l’arresto potrebbe avvenire solo in determinate occasioni. Se si viene colti sul fatto dagli agenti con l'auto in sosta all'interno o nelle immediate vicinanze di luoghi abitualmente frequentati da minori - come ad esempio una scuola o un campetto sportivo - ad un orario in cui c'è il rischio che i minori possano assistere allo scambio di effusioni, è prevista la reclusione da quattro mesi a quattro anni e sei mesi, con l'aggiunta di una sanzione amministrativa pecuniaria da 51 a 309 euro.

Sanzione amministrativa pecuniaria

Se si viene colti sul fatto dagli agenti con l'auto parcheggiata su strada pubblica anche cieca, non scatta l'arresto, ma si applica l’articolo 527 del codice penale che prevede una sanzione amministrativa pecuniaria che, in base alla probabilità di essere visti durante le effusioni, va da un minimo di 5.000 a un massimo di ben 30.000 euro, a carico, in egual misura, di entrambi i partner.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fondo milanese si "disfa" delle sue proprietà, venduti 1300 metri quadrati alle Torri

  • ​Impermeabilizzazioni edili, come rendere il terrazzo sicuro e resistente senza spendere troppo

  • Cade in acqua con la gamba fratturata: salvato "per miracolo" in porto

  • Auto con 5 persone si cappotta a Santa Croce: tre minori al Burlo

  • “Era il ‘Bronx’, oggi è un gioiello” l'evoluzione di borgo San Sergio per i residenti (FOTO)

  • Piacenza-Triestina 1 a 2 | Le pagelle: bum bum Maracchi, l'Unione espugna Piacenza

Torna su
TriestePrima è in caricamento