POSTI ESAURITI Tieni la testa sul collo. Un controllo può salvarti la vita

Giornata di prevenzione del tumore testa e collo 17 settembre 2019 – con prenotazioni delle visite dall’11 settembre

Anche quest’anno ASUITs partecipa alle giornate di prevenzione del tumore testa e collo, cavo orale in particolare, con visite gratuite su prenotazione, il 17 settembre, dalle 09.00 alle 14.00, presso i poliambulatori ORL dell’Ospedale di Cattinara.

L'utenza potrà prendere appuntamento chiamando allo 0403994478 a partire da mercoledì 11 settembre dalle 9.00 alle 14.00.

“Tieni la testa sul collo. Un controllo può salvarti la vita” è il messaggio che anche in questa edizione mira a sensibilizzare la popolazione italiana a partecipare alle iniziative, che si terranno nei circa 30 Centri specialistici di tutta Italia, che apriranno le porte al pubblico per favorire una cultura della prevenzione e della diagnosi tempestiva nel trattamento dei tumori testa-collo.

L’obiettivo è quello di promuovere l’importanza della diagnosi precoce, unico strumento in grado di sconfiggere queste patologie che ogni anno vedono diagnosticati circa 10.000 nuovi casi. L’iniziativa è promossa dall’Associazione Italiana di Oncologia Cervico-Cefalica (AIOCC), con il patrocinio del Ministero della Salute, in occasione della Make Sense Campaign 2019, la campagna europea di sensibilizzazione sui tumori della testa e del collo che metterà in campo numerose iniziative su tutto il territorio nazionale.

I sintomi dei tumori della testa e del collo sono spesso insidiosi perché confusi con normali manifestazioni quali: gonfiore al collo, deglutizione dolorosa e/o faticosa, naso chiuso da una narice, sanguinamento dal naso, raucedine persistente, mal di gola, bruciore alla lingua, lesioni rosse o bianche nel cavo orale. In presenza di uno di questi sintomi che perdurano per almeno tre settimane, non bisogna perdere tempo e andare subito dal medico per un consulto: un controllo e una diagnosi precoce possono salvare la vita.

Nonostante la gravità e la crescente diffusione all’interno della società, c’è poca consapevolezza del cancro della testa e del collo e i risultati di cura sono ancora insoddisfacenti; il 60 % delle persone con un tumore della testa e del collo presentano malattia localmente avanzata al momento della diagnosi e di questi, il 60 % morirà per la malattia entro 5 anni. I pazienti diagnosticati nelle prime fasi della malattia presentano, invece, un tasso di sopravvivenza dell’80-90 %, perciò la diagnosi precoce risulta indispensabile e utilissima.

“Consentire a un paziente tumorale di sopravvivere con una qualità di vita a suo giudizio insoddisfacente non può e non deve essere considerata come un successo terapeutico. – spiega il professor Giancarlo Tirelli, Direttore presso la SC Clinica Otorinolaringoiatrica, - La chirurgia oncologica in queste sedi può comportare spesso una compromissione della capacità di parlare, di mangiare, di respirare: un intervento chirurgico demolitivo a livello della bocca e della gola può influire in maniera del tutto negativa sulla quotidianità dei pazienti soprattutto se non attuato secondo procedure mini-invasive. Per questo da anni abbiamo messo a punto tecniche chirurgiche definite “mini-invasive” che sono in grado di garantire una qualità della vita migliore, a patto che sia stata effettuata una diagnosi precoce.”

CREAUS/GP/pc

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 10 ottobre OBESITY DAY 2019: PESO E BENESSERE

  • “Con-Vivere” e vivere con il tumore al seno metastatico

  • BRA Day 16 ottobre

  • Giornata mondiale dell’osteoporosi

Torna su
TriestePrima è in caricamento