Cultura: Gibelli, candidatura Gorizia-Nova Gorica potenzialità enormi

Gorizia, 8 nov - "La candidatura di Gorizia e Nova Gorica a Capitale europea della Cultura è importantissima per il Friuli Venezia Giulia e per tutta l'Italia. È vero che, per il nostro Paese, Matera ha già ottenuto questo titolo prestigioso per il 2019, ma quella di Gorizia insieme a Nova Gorica è una candidatura molto forte e dalle potenzialità enormi per tutti i significati culturali, storici e sociali che porta con sé".

Lo ha affermato oggi a Gorizia l'assessore regionale alla Cultura, Tiziana Gibelli, a margine della presentazione della candidatura di Gorizia e Nova Gorica a Capitale europea del 2025 svoltasi a Palazzo de Bassa. Una presentazione organizzata dalla Camera di Commercio Venezia Giulia e destinata, in particolare, al mondo imprenditoriale.

"Abbiamo creduto fin dall'inizio in questo progetto - ha spiegato l'assessore - così come, con convinzione, stiamo già portando avanti con la Slovenia la candidatura transfrontaliera a patrimonio Unesco del Collio-Brda che, auspichiamo, possa avere uno sviluppo positivo. Un progetto, quello che unisce Gorizia e Nova Gorica, che la Regione sostiene anche dal punto di vista economico con uno stanziamento di 200mila euro per il 2019".

"Questi - ha aggiunto Gibelli nel suo intervento - sono momenti di unitarietà culturale, sociale ed economica in grado di travalicare i confini. Noi siamo una regione di frontiera, importante per le sue peculiarità, ricca di storia, con un patrimonio culturale immateriale costituito da tutti gli aspetti di vita di un popolo, a partire da quelli dell'agricoltura e dell'enogastronomia. Senza dimenticare - ha sottolineato - che abbiamo un patrimonio prezioso di saperi legati alla convivenza civile e alle relazioni tra Paesi e tra popoli. In questo progetto, quindi, possiamo esprimere al meglio tutte queste nostre capacità".

"Un'iniziativa di questo tenore - ha proseguito l'assessore - dimostra quanto la cultura sia un valore aggiunto per l'intero territorio e, di conseguenza, anche per le imprese. La vera sfida dell'Europa di oggi è proprio quella dello sviluppo a trazione culturale".

"Uno dei nostri compiti - ha concluso Gibelli - è quello di spiegare agli stakeholder privati che vogliamo creare una capacità di attrattività dal punto di vista turistico che può portare punti di Pil a Gorizia, Nova Gorica, al Friuli Venezia Giulia e alla Slovenia". ARC/RT/fc



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Imprese: Bini, con nuova legge sarà rafforzato ruolo Confidimprese Fvg

  • Imprese: Bini, SviluppoImpresa riformerà accesso al credito

Torna su
TriestePrima è in caricamento