Finanze: Zilli, rilancio Fvg anche con 194 mln euro da Cdp

"Fondamentali strumenti messi a disposizione Regione"

Trieste, 18 nov - "Gli strumenti che ci sono stati messi a disposizione dalla Cassa depositi e prestiti sono di fondamentale importanza per la nostra regione in quanto metteranno in moto una leva finanziaria di grande rilevanza per sostenere il tessuto economico e il rilancio del territorio".

Lo ha detto oggi a Roma l'assessore alle Finanze del Friuli Venezia Giulia, Barbara Zilli, a margine della celebrazione dei 170 anni dell'istituto finanziario a prevalente capitale statale. L'iniziativa aveva come scopo quello di promuovere una riflessione sul ruolo che questa istituzione ha svolto nel tempo, tra cui quello di sostenere le autonomie locali.

L'esponente della Giunta Fedriga ha ricordato l'importanza di un mutuo che il Friuli Venezia Giulia ha contratto proprio con la Cassa depositi e prestiti nel corso del 2019 e inserito nell'ultima manovra di bilancio. "In particolare - ha spiegato Zilli - con la Cdp abbiamo avuto accesso a due finanziamenti per un valore complessivo pari a 194 milioni di euro a valere sul triennio 2019-21. A questi si aggiunge un altro prestito contratto con la Banca europea degli investimenti (Bei) per 125 milioni, portando così i nuovi mutui finanziabili dalla Regione a complessivi 319 milioni".

"Tutto ciò è stato possibile - ha evidenziato ancora l'assessore regionale alle Finanze - alla luce del costante e netto calo dello stock di debito regionale che, nel 2007, aveva raggiunto il valore massimo di 1657 milioni di euro e che, nel 2018, è stato ridotto drasticamente, arrivando a quota 382 milioni".

"L'impegno contro la stagnazione economica - ha concluso Zilli - si è sostanziato quindi nel coraggioso piano triennale di investimenti, pari a 319 milioni di euro, che ci consentirà di realizzare, nel medio e lungo periodo, opere pubbliche che fungono da sostegno al tessuto economico della nostra regione".

ARC/AL/fc
 



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento