Imprese: Rosolen-Bini, Fvg più competitivo con Agenzia intersettoriale

Regia unica per sviluppo economico e politiche occupazionali Trieste, 8 nov - Progettare il futuro rispondendo alle esigenze delle imprese e dei lavoratori, analizzando i dati, attraendo investimenti e coordinando sotto un'unica regia le tante azioni messe in campo dalla Regione Friuli Venezia Giulia sui temi dello sviluppo economico e delle politiche occupazionali: questi gli obiettivi dell'Agenzia Lavoro&SviluppoImpresa illustrati oggi a Trieste dagli assessori Alessia Rosolen (Lavoro) e Sergio Emidio Bini (Attività produttive).

Come affermato dai due esponenti della Giunta Fedriga, subito dopo l'inizio della legislatura è emersa la sostanziale mancanza di raccordo tra le due aree di competenza e, quindi, l'assenza di un'azione congiunta dall'Amministrazione regionale su una tematica altamente strategica.

"Le imprese - ha sottolineato Bini - preferiscono avere un interlocutore unico nei rapporti con la Regione per non disperdere tempo e denaro nella burocrazia. Da qui la necessità di avvicinare queste due realtà, quella privata e quella pubblica, attraverso un soggetto che, oltre a programmare, elabori i dati mettendoli a sistema e condividendoli con le categorie, promuovendo tutti quelli che sono gli strumenti e le risorse a disposizione delle aziende, dagli incentivi alla formazione".

Da parte sua, Rosolen ha puntualizzato che l'istituzione dell'Agenzia, operativa dallo scorso agosto, "non è un esercizio di riorganizzazione interna ma l'applicazione di una visione strategica condivisa con il territorio nei termini di un piano industriale regionale che è mancato negli anni ed è fatto di relazioni sindacali e datoriali, di ricerca, di percorsi formativi, di accompagnamento ai lavoratori e di assistenza alle imprese". "In questo - ha aggiunto l'assessore Fvg al Lavoro - siamo la prima Regione in Italia che ha unito in un'unica entità operativa le competenze delle due direzioni".

Nel dettaglio, come spiegato dalla direttrice dell'Agenzia, Lydia Alessio Vernì, nell'ambito dell'attività finalizzata a creare un Sistema Fvg sono già stati programmati per questo novembre una serie di incontri a Udine e Trieste con i rappresentanti di categorie economiche, consorzi, cluster, sindacati e imprese. Così come in questi due mesi sono stati aperti alcuni dossier, in collaborazione con i Consorzi di sviluppo territoriale, su alcuni potenziali investitori interessati a operare in regione.

Come ricordato da Bini e Rosolen, Il Friuli Venezia Giulia presenta una serie di dati marcatori di un oggettivo indice di competitività territoriale da valorizzare: l'alta capacità innovativa, il Fitch rating più alto di quello nazionale, i tassi di occupazione (64,7 per cento rispetto al 58,2 dell'Italia) e di disoccupazione (6,5 rispetto all'11 nazionale) e, infine, la propensione all'export (15,6 mld di euro).

Bini ha quindi evidenziato che l'impostazione adottata è quella di "lavorare in silenzio, senza proclami e con un marcato senso di responsabilità". In virtù del fatto di aver ereditato uno strumento di intervento (Rilancimpresa) "in parte efficace" e seguentemente ad altre emergenze programmatiche "manifestate con forza dai territori" quali, in primis, la riforma sanitaria e quella degli enti locali, l'assessore alle Attività produttive ha specificato che all'inizio del prossimo anno verrà portato in Aula un nuovo ddl SviluppoImpresa, coerentemente a quelle che sono le attuali esigenze del mondo produttivo.

Rosolen, infine, ha elencato le "risposte concrete" date dalle Regione sul lavoro, tra cui i protocolli relativi alla sicurezza (sugli appalti e nell'edilizia), l'ampliamento degli ammortizzatori sociali (contratti di solidarietà), la proroga dell'accordo con le Bcc per gli anticipi sulla cassa integrazione, gli interventi nel welfare aziendale, i tavoli in atto sui protocolli con Fincantieri "rispetto a una lacuna di decenni" e il contrasto alle delocalizzazioni con i vincoli per le imprese che ricevono contributi regionali. ARC/GG/fc



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Imprese: Bini, con nuova legge sarà rafforzato ruolo Confidimprese Fvg

  • Imprese: Bini, SviluppoImpresa riformerà accesso al credito

Torna su
TriestePrima è in caricamento