Minoranze: Roberti, mediazione per tutela linguistica nelle Valli



Trieste, 12 giu - "Una riunione in un clima di piena collaborazione con alcune differenze di vedute dovute al compito di chi governa di mediare su posizioni opposte in seno alla comunità sul tema sulle espressioni linguistiche nelle Valli".

Questo il giudizio dell'assessore regionale Pierpaolo Roberti sulla riunione di insediamento della neocostituita Commissione regionale consultiva per la minoranza linguistica slovena.

Roberti ha illustrato alla Commissione le ragioni che hanno suggerito all'Amministrazione regionale di prevedere, nell'ambito della revisione normativa omnibus, l'istituzione dell'Albo per le varianti linguistiche delle Valli del Natisone, del Torre e della Val Canale, operando una modifica alla legge regionale 26/2007.

"Un aggiustamento - ha precisato Roberti - che non entra nel merito del dibattito linguistico-culturale ma mira soltanto a tutelare, dal punto di vista fattuale, le parlate delle Valli. In un'area che sta soffrendo fenomeni di spopolamento - ha aggiunto - non possiamo perdere tempo in ripicche e rivalità. La misura di creare un Albo dà risposta alla confusione generata da una legge rivelatasi non in grado di trovare un compromesso efficace tra visioni antitetiche".

Sulla proposta i commissari si sono pronunciati negativamente e Roberti si è riservato di operare eventuali ritocchi all'emendamento.

Tra gli altri punti della riunione odierna, la Commissione consultiva ha espresso parere favorevole ai criteri per la formazione del programma di ripartizione delle risorse del Fondo regionale per la minoranza slovena per l'esercizio 2019, che ammonta a 100mila euro, e ha fissato entro maggio del 2020 la celebrazione della Conferenza regionale sulla tutela della minoranza linguistica slovena che, per legge, va convocata entro i primi due anni di ogni legislatura. I temi della Conferenza - è stato deciso - saranno definiti sulla scorta di una consultazione più approfondita.



La precedente Commissione consultiva, nominata a marzo del 2014, era rimasta in carica fino allo scorso 31 dicembre. L'organismo, che è previsto dalla legge 26, è composto da 20 membri. Ne fanno parte l'assessore regionale competente o un suo delegato; Ksenija Dobrila, Dorica Kresevic, Rudi Pavsic, Livio Semolic, Luigia Negro, Iole Namor, Maja Lapornik, Ivo Corva, Walter Bandelj, Julijan Cavdek, Ezio Gosgnach e Anna Wedam quali rappresentanti delle organizzazioni di riferimento della minoranza linguistica slovena (Skgz/Slovensko Kulturno Gospodarska Zveza - Unione Culturale Economica Slovena e Sso/Svet Slovenskih Organizacij - Confederazione delle Organizzazioni Slovene); Monica Hrovatin, Davide Stokovac-Stolli, Aldo Jarc, Erik Figelj, Stefano Predan e Alan Cecutti, nominati quali rappresentanti nella seduta del 23 novembre 2018 dall'Assemblea degli eletti di lingua slovena nei Consigli degli enti locali del territorio delle province di Trieste, Gorizia ed Udine; Elisabetta Kovic, nominata dalla Commissione scolastica regionale per l'istruzione in lingua slovena. Dei venti membri Cecutti verrà surrogato con una designazione suppletiva in quanto dimissionario. L'assessore si è impegnato a riconvocare la Commissione consultiva entro la fine di giugno. ARC/PPH/fc



Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Imprese: Bini, welfare e accesso al credito fondamenta ddl riforma

  • Cantieristica: Callari, importante collaborazione Regione-Fincantieri

Torna su
TriestePrima è in caricamento