Salute: Riccardi, condivisone è priorità per futuro ospedale Palmanova

Palmanova (Ud), 2 dic - Trovare nell'ambito delle linee guida del percorso di riforma del sistema sanitario soluzioni condivise che, da un lato, garantiscano la sicurezza degli interventi compiuti nella struttura e, dall'altro, implementino l'attività quotidiana.

Su questi due temi si è incentrato l'intervento del vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, nel corso dell'incontro svoltosi oggi a Palmanova (Udine), organizzato dai capigruppo di opposizione in Consiglio comunale, al quale hanno partecipato una rappresentanza dei primari del nosocomio locale.

Alla presenza del commissario straordinario del'AsuiUd, Giuseppe Tonutti, nonché di alcuni consiglieri regionali, la riunione è servita all'esponente dell'Esecutivo Fedriga per chiarire e confermare alcuni aspetti generali del disegno di riforma e, al tempo stesso, rassicurare i presenti sulla volontà di implementare il livello di attrattività della locale struttura ospedaliera.

"La legge che approderà in Aula - ha innanzitutto spiegato Riccardi - prende le mosse dalla volontà di rimettere mano a un sistema che era stato disegnato alcuni decenni fa e che ora è nei fatti superato. Ne è un esempio l'aspetto legato alla cronicità, che richiede risposte molto diverse rispetto al passato. Le scelte messe in atto nella norma di riforma del sistema sanitario vanno quindi a definire la cornice di riferimento ma non i contenuti tecnici specifici, i quali, invece, verranno scritti nell'atto aziendale redatto dalla direzione generale e non dalla politica".

Il vicegovernatore ha poi ascoltato le richieste avanzate da una rappresentanza dei primari dell'ospedale di Palmanova e sintetizzate in un documento consegnato a Riccardi. Le istanze hanno riguardato la condivisone della scelta che punta alla specializzazione degli interventi negli ospedali di rete per ridurre le liste di attesa degli hub, garantendo però, di pari passo, la sicurezza delle operazioni eseguite in loco.

"Non c'è dubbio - ha detto Riccardi - che il nostro obiettivo è quello di addivenire a scelte condivise, trovando soluzioni con le quali svolgere al meglio il lavoro all'interno dell'ospedale di Palmanova. Non è quindi nostra intenzione smantellare alcunchè quanto, piuttosto, rendere efficiente il sistema con soluzioni specifiche".

"Va superata - ha ribadito il vicegovernatore Fvg - la logica secondo cui tutti gli ospedali si occupino di tutte le specialità, indirizzando invece l'operatività verso aree distinte con un percorso condiviso da chi dovrà redigere l'atto aziendale. In questo senso - ha concluso Riccardi - la sicurezza negli interventi richiesta dai primari diventa un obbligo specifico dal quale non è possibile prescindere e sul quale verrà garantito il massimo supporto". ARC/AL/fc



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Cpr Gradisca: Roberti, no a illazioni ma fiducia in forze di polizia

  • Cultura: Fedriga, cordoglio per Costantidines donna colta e generosa

  • Imprese: Rosolen, Bini premiata innovazione di 11 Fari manifatturieri

  • Salute: Riccardi, servizi equi e accessibili per invecchiamento

  • Cultura: Fedriga, con 'Art for global goals' Fvg al centro del mondo

  • Cultura: Gibelli, Leonardo a Gemona svela grande patrimonio friulano

Torna su
TriestePrima è in caricamento