Sicurezza: Fedriga, carenza organico aumenta rischi Polizia carceri

Trieste, 20 set - "Il corpo della Polizia penitenziaria celebra 202 anni di leale e orgoglioso servizio all'Italia e ai cittadini che, troppe volte, non è stato ricambiato in ugual modo dallo Stato. La carenza di personale e di dotazioni rappresentano infatti difficoltà che rendono il servizio svolto dagli operatori, già di per sé rischioso, ancora più complesso".

Questo il messaggio lanciato dal governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, a margine della celebrazione dell'anniversario di fondazione della Polizia penitenziaria svoltasi nella casa circondariale Ernesto Mari di Trieste, alla presenza delle autorità civili e militari.

Il governatore ha rivolto quindi il ringraziamento della Regione ai quasi 450 donne e uomini della Polizia penitenziaria operanti nelle 5 strutture del Friuli Venezia Giulia, tra cui una di massima sicurezza, per la professionalità con la quale vigilano su circa 700 detenuti, ma anche per l'impegno profuso nel non semplice compito di rendere il carcere un luogo di riabilitazione.

Fedriga ha rimarcato che "la Regione Friuli Venezia Giulia, non avendo competenze dirette sulle carceri, garantissce la massima collaborazione allo Stato per aiutare le donne e gli uomini in servizio in questo Corpo che, nonostante le difficili condizioni di lavoro, assicurano sicurezza e un livello di vivibilità degno di un Paese civile nelle case circondariali". ARC/MA/fc



Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ict: Callari, servizi migliori per tutti con intelligenza artificiale

  • Prot. civile: Riccardi, coltivare cultura della prevenzione antisismica

  • Prot. civile: illustrato a Riccardi protocollo su rischio a Latisana

  • Economia: Bini, attenzione a realtà leader come Pittini di Osoppo

Torna su
TriestePrima è in caricamento