Sport: Gibelli, sostegno a iniziative integrazione disabilità

Pordenone, 21 gen - Una crescente integrazione tra disabilità e pratica sportiva è l'obiettivo che l'assessore allo Sport del Friuli Venezia Giulia, Tiziana Gibelli, ha posto tra le priorità della Regione in materia.

Un concetto che l'assessore ha voluto ribadire oggi a Pordenone, nella sala conferenze del Coni Point, nell'ambito dell'Infoday sugli interventi a sostegno della pratica sportiva e dell'integrazione delle persone con disabilità.

"L'infoday - ha spiegato Gibelli - è un'opportunità per tutte le associazioni del mondo paralimpico di confrontarsi per la prima volta direttamente con la pubblica amministrazione che si qualifica come aperta e trasparente".

"Dare informazioni di prima mano e, soprattutto, rispondere in maniera oggettiva ai molti quesiti puntuali - ha sottolineato l'assessore - è fondamentale per dare quel necessario supporto alle associazioni sportive dilettantistiche per presentare correttamente la domanda di contributo e scongiurare così errori in sede di redazione e trasmissione dell'istanza".

I contributi regionali possono essere concessi per interventi che riguardano l'organizzazione di manifestazioni sportive, l'acquisto di attrezzature specializzate, di equipaggiamenti e di mezzi necessari al trasporto delle persone con disabilità e sono ammissibili se organizzati nell'arco temporale che va dal 1 gennaio al 31 dicembre 2019.

Le domande di contributo possono essere presentate fino al 31 gennaio e valgono esclusivamente per le manifestazioni sportive che si svolgono nell'anno di presentazione delle domande stesse. Gibelli ha colto l'occasione per annunciare "l'avvio di un percorso che porterà la Regione, tramite la direzione allo Sport, a collaborare con il Comitato Italiano Paralimpico Fvg, nuovo interlocutore istituzionale rappresentato dal presidente Giovanni De Piero".

"Ho particolarmente a cuore - ha evidenziato - tutte le attività legate agli atleti con disabilità, tanto che mi sono personalmente impegnata ad aumentare i contributi destinati alle realtà che li rappresentano. Sono atleti che, più di altri, sanno superare i propri limiti e mettersi in gioco facendo dello sport - ha concluso l'assessore - un vero veicolo di inclusione sociale". ARC/SSA/fc



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Coronavirus: Fedriga, negozi chiusi a Pasquetta e protezioni su Tpl

  • Coronavirus: Bini-Rosolen, protocollo regionale per riavvio attività

  • Coronavirus: Riccardi, Aziende dentro case di riposo scelta condivisa

  • Coronavirus: Riccardi, ok a più integrazione Asp/Aziende sanitarie

  • Coronavirus: Rosolen, cassa in deroga, eliminata l'imposta di bollo

Torna su
TriestePrima è in caricamento