Animali, Serracchiani all'Enpa: «Struttura di qualità che soccorre 2500 animali l'anno» (FOTO)

Dal 2000 al 2016 sono stati presi in cura quasi 10 mila mici, e 2.000 cani. Vengono spesso soccorsi anche caprioli, colombi, cornacchie grigie, gabbiani reali, merli, ricci, rondoni

Visita all'Ente nazionale protezione animali (Enpa) di Trieste della presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, che oggi è stata ricevuta dalla presidente della struttura, Patrizia Bufo, e da Gianfranco Urso, storico amante degli animali che vanta oltre 50 anni di attività di volontariato. «Sono qui - ha detto Serracchiani - innanzitutto per ringraziare i volontari. Sono persone che lavorano con grande passione, gratuitamente e con un grande amore per gli animali. Lo fanno per 365 giorni all'anno, per tutto il giorno e anche la notte».

I volontari in forza alla struttura di via Marchesetti sono attualmente 25. Si occupano, principalmente, del primo soccorso alle bestiole infortunate, abbandonate o, in alcuni casi, requisite dall'Autorità giudiziaria. Si tratta in maggioranza di esemplari selvatici, mentre la percentuale di animali domestici raggiunge all'incirca il 40%. «Questa struttura funziona da tantissimo tempo e funziona bene. Offre quindi un servizio al territorio di alto livello, efficiente e puntuale», ha commentato Serracchiani.

L'Enpa giuliano, infatti, soccorre annualmente 2.500 animali che vengono accolti in un'area verde di 80mila metri quadri, situata tra l'abitato di Melara e la frazione di Longera. A volte, il primo soccorso si protrae e lungo e diventa in certi casi anche un'ospitalità permanente, il che ha permesso ai volontari di creare una piccola oasi faunistica dove si tengono anche attività didattiche, svolte con l'intento di permettere un contatto diretto tra l'uomo e l'animale, e di alimentare, in questo modo, il piacere della conoscenza. Le specie più soccorse risultano essere i canarini esotici, i cani, i caprioli, i colombi, le cornacchie grigie, i gabbiani reali, i merli, i passeri, i ricci, i rondoni e più di tutti i gatti. Dal 2000 al 2016 sono stati infatti presi in cura quasi 10.000 mici, a fronte, ad esempio, di 2.000 cani. "La particolarità del nostro centro - ha spiegato Bufo - sta nel fatto che qui si accolgono proprio tutti gli animali. I volontari veramente attivi sono 25, ma contiamo anche su tante persone che offrono il loro supporto con una presenza di qualche ora a settimana. Anche questo tipo di sostegno è benvenuto, poiché per il servizio che offriamo ogni aiuto è d'oro". Il sopralluogo della presidente della Regione è durato oltre un'ora, durante la quale sono stati visitati sia gli ampi spazi esterni del complesso che l'interno della palazzina di due piani, in cui si trovano anche una sala operatoria e diversi ambulatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

Torna su
TriestePrima è in caricamento