Apre in città la "Casa dei giusti": punto di incontro e scambio di idee

Inaugurata il giorno di San Giusto in via Carducci 35, la "Casa" rappresenta un luogo dove chi vuole potrà incontrarsi per scambiare opinioni, esperienze e avviare iniziative. Il consigliere Giorgi, promotore dell'idea: «Oggi usiamo social network e la virtualità per fare politica e comunicazione ma c'è bisogno di contatto umano»

Si è svolta oggi l'inaugurazione de "La casa dei giusti" in via Carducci 35 un punto di ritrovo settimanale, per il momento il martedì, dove associazioni e persone, che prestano il proprio impegno in città, potranno avere un punto di incontro e di scambio di idee. A promuovere ed organizzare questo punto di ritrovo è il consigliere comunale Lorenzo Giorgi che ha aperto la serata inaugurale, scelta proprio nel giorno di San Giusto .

«È vero - ha esordito Giorgi - oggi usiamo tutti i social network e la virtualità per fare politica, per fare comunicazione, per fare un po' tutte le attività ma, specialmente in una città come Trieste, c'è bisogno e necessità di quello che è il contatto umano. Lo scambio di idee, in prima persona, i rapporti personali che sempre di più mancano facendo lievitare quella mancanza di fiducia, non solo verso la politica ma verso gli altri, che oggi purtroppo impera».
«Proprio per questo - continua il consigliere comunale - ho voluto lanciare "la casa di giusti"; giusti perché siamo a Trieste ed è Giusto ricordare il santo patrono, giusti perché tutte le persone che fanno attività in città (sia associazionismo, volontariato, politica o sport) fanno una cosa giusta verso gli altri, giusti perché è importante dare punti di riferimento reali per potersi incontrare e scambiare idee ed esperienze personali senza nascondersi dietro lo schermo di uno smart Phone».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La casa dei giusti è aperta tutti. A tutte quelle associazioni che hanno necessità di avere un punto di riferimento in città, a tutte le persone che intendono portare la propria esperienza a favore degli altri, a tutti quelli che vogliono semplicemente partecipare. L'iniziativa a destato subito molto interesse, e ci sono già alcune associazioni che si sono fatte avanti per riempire i martedì alla casa dei giusti. Giorgi che ha iniziato il suo percorso politico negli ultimi anni di vita della storica Lista per Trieste, forse oggi è riuscito a centrare un obiettivo importante: far rivivere quella storica "casa del popolo", ma dei moderati, che la sede del Melone era divenuta in città a prescindere da qualsiasi ideologia. Questo pare sicuramente un risultato importante per il bene di tutta la città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, altra impennata in Fvg: 147 positivi e sei morti, i contagiati sono oltre 1100

  • Cede un ramo, volo di 20 metri in via Commerciale: gravissimo

  • I contagiati salgono a 874, decessi a quota 47: il bollettino di oggi in Fvg

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • La Regione conferma il blocco totale, Fedriga firma una seconda ordinanza

Torna su
TriestePrima è in caricamento