Migranti, Codega (Pd): «Sovraffollamento: il Cara e l'ex Cie di Gradisca vanno svuotati»

A circa un paio di anni dall'ultima visita effettuata, Codega e Cremaschi hanno rilevato l'eccessivo sovraffollamento sia del Cara, sia della struttura dell'ex Cie: «in stanze che dovrebbero ospitare 4 persone, ne sono stipate 11»

«Il Cara e l'ex Cie di Gradisca vanno svuotati, altri sindaci si facciano carico di una parte di migranti per rendere sostenibile la situazione».

A dirlo è Franco Codega (Pd) a margine del sopralluogo fatto al Centro di accoglienza per richiedenti asilo (Cara) di Gradisca d'Isonzo da alcuni componenti della VI Commissione consiliare di cui è presidente, tra i quali Silvana Cremaschi (Pd), per accertarsi della situazione all'interno della struttura e delle problematiche legate ai suoi ospiti.

A circa un paio di anni dall'ultima visita effettuata, Codega e Cremaschi hanno rilevato l'eccessivo sovraffollamento sia del Cara, sia della struttura dell'ex Cie. «Nell'ex centro di identificazione - fa notare Codega - continuano a essere presenti nella parte esterna le gabbie metalliche, che hanno sicuramente un impatto negativo. Anche se le strutture interne sono state risistemante, continua a essere pesante il sovraffollamento: in stanze che dovrebbero ospitare 4 persone, ne sono stipate 11. Leggermente migliore la situazione del Cara dal punto di vista strutturale, ma anche qui la situazione delle presenze è la stessa».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A dare la misura del fenomeno è la consigliera Cremaschi: «Prendiamo atto che già 98 Comuni, in regione, hanno aderito al progetto di accoglienza diffusa. Mancano all'appello gli altri 118 e basterebbe che ognuno di questi aderisse allo Sprar, il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, con un numero massimo di 10 migranti a testa per risolvere con molta tranquillità il problema, senza impatti sui vari territori».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • La dieta a Zona per dimagrire e migliorare le funzioni dell'organismo: come funziona

  • Covid 19: nessun morto in Fvg nelle ultime 48 ore, due nuovi casi a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento