Comitato delle Regioni: Iacop a Bruxelles ad Assemblea plenaria

Il presidente del Consiglio regionale nella capitale belga per promuovere il dialogo tra cittadini e istituzioni europee

Il presidente del Consiglio regionale FVG Franco Iacop da oggi fino a giovedì 9 febbraio è a Bruxelles per l'Assemblea plenaria del Comitato europeo delle Regioni (CdR) programmata per domani e dopodomani con all'ordine del giorno l'approvazione di numerosi documenti, ma già questo pomeriggio ha preso parte alla riunione dell'Ufficio di Presidenza del Comitato.

Fra i punti all'esame, la riflessione su passato, presente e futuro dell'Unione europea con l'invito che giunge dal Consiglio europeo agli enti locali e regionali ad avviare "dal basso" un processo di dialogo con i cittadini e di dibattito politico in seno ai Consigli regionali e locali: su questo tema il CdR presenterà altresì una risoluzione in occasione del vertice europeo di marzo a Roma dove sarà celebrato il 25° anniversario del Trattato di Maastricht con il quale, tra l'altro, è stato istituito il Comitato stesso.
Su altro versante, la riflessione in relazione all'esito del referendum sulla Brexit, in merito al quale - posto che i termini dell'uscita saranno discussi esclusivamente dai negoziatori ufficiali - il CdR intende intavolare un dialogo con i membri britannici, in particolare quelli provenienti da Scozia e Irlanda del Nord, dove è prevalso il voto a favore del "remain".

Quanto all'ambito delle relazioni tra il CdR e la Commissione europea, oggi sono state illustrate le azioni di cooperazione in materia di scienza, innovazione e mercato unico digitale, ovvero la Piattaforma per la banda larga e la collaborazione strutturata con il Centro di Ricerca Comune. Al proposito va ricordata l'iniziativa "Science meets Regions" promossa dal Centro di Ricerca Comune della Commissione Europea assieme a Consiglio, Giunta regionale e Coordinamento degli Enti di Ricerca del Friuli Venezia Giulia lo scorso ottobre a Trieste - il tema individuato dal Friuli Venezia Giulia è stato quello dell'invecchiamento attivo della popolazione  - per favorire il dialogo diretto tra mondo della scienza e decisori politici al fine di promuovere uno scambio continuo di informazioni, che possa orientare la normativa prodotta sulla base di evidenze scientifiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intimano l'alt e gli puntano il fucile contro: la gita in bosco si trasforma in un incubo

  • Non solo transfrontalieri: chi può entrare in Slovenia dal 26 maggio

  • Blocco unilaterale dei confini, Fedriga chiede l'intervento del Governo

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • Un aiuto per pagare l'affitto: al via il bando del Comune

  • Sparatoria a Nova Gorica, coinvolte più persone

Torna su
TriestePrima è in caricamento