Consiglio comunale: ancora nessun presidente, l'opposizione esce

La delibera sull'area ex Fiera viene approvata dalla sola maggioranza. Toncelli (PD): "Scandaloso mercanteggiare l'aula dei cittadini". Bertoli (Lega): “Il PD abbandona il Consiglio sulle crisi lavorative e non vota una delibera che si stima porterà circa 200 posti di lavoro"

Il Consiglio Comunale è nuovamente senza un presidente e tutta l'opposizione abbandona l'aula. Il rinvio della votazione è stato richiesto durante la seduta di lunedì 6 maggio dal consigliere leghista Radames Razza, che ha dichiarato: “Non è stato ancora raggiunto un accordo”. Nella scorsa seduta erano emersi i nomi di Everest Bertoli e  Massimo Codarin e il rinvio era stato richiesto dal capogruppo di Lista Dipiazza Vincenzo Rescigno. Le dimissioni dell'ex presidente Marco Gabrielli risalgono al 21 marzo scorso. 

Marco Toncelli (PD)

Accorato e spazientito l'intervento di Marco Toncelli (PD): “La cosa più imbarazzante e scandalosa è che quest'aula è schiava del vostro mercato. Voi da aprile continuate a rinviare e mercanteggiare il presidente del consiglio, non dovete fare le cose a vostro uso e consumo questa è l'aula dei cittadini e deve lavorare per il bene di tutti. A questo punto ci aspettiamo l'elezione non dopo le europee ma dopo gli europei”.

Famulari (PD) e Menis (M5S)

Risolutiva la decisione della capogruppo del PD Laura Famulari: “E'inaccettabile che da due mesi il consiglio lavori senza un presidente, quindi il Partito Democratico esce dall'aula. La maggioranza è ostaggio della Lega, questa città merita di meglio”.

Si unisce alla linea anche Paolo Menis del Movimento 5 Stelle: “Chiediamo anche al vicepresidente  Svab di dimettersi e di non reggere il gioco a questa maggioranza che non ha ancora trovato un sostituto a Marco Gabrielli”.

Bertoli (Lega): "Autogol clamoroso del PD"

Nella fase precedente alla mancata votazione si era svolta l'audizione dell'assessore regionale al Lavoro Alessia Rosolen sul tema della crisi lavorativa e industriale a Trieste alla presenza dei sindacati. Così ha commentato l'ex forzista Everest Bertoli, ora parte della Lega: “L'autogol più clamoroso del PD. Abbandona il Consiglio dedicato alle crisi lavorative e non vota la variante del piano regolatore sulla 'Fiera'. Variante che si stima porterà circa 200 posti di lavoro compreso l'indotto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ex "Fiera", Polli: "200 nuovi posti di lavoro con riqualificazione"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • Non solo transfrontalieri: chi può entrare in Slovenia dal 26 maggio

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • La dieta a Zona per dimagrire e migliorare le funzioni dell'organismo: come funziona

Torna su
TriestePrima è in caricamento