Consiglio comunale: ancora nessun presidente, l'opposizione esce

La delibera sull'area ex Fiera viene approvata dalla sola maggioranza. Toncelli (PD): "Scandaloso mercanteggiare l'aula dei cittadini". Bertoli (Lega): “Il PD abbandona il Consiglio sulle crisi lavorative e non vota una delibera che si stima porterà circa 200 posti di lavoro"

Il Consiglio Comunale è nuovamente senza un presidente e tutta l'opposizione abbandona l'aula. Il rinvio della votazione è stato richiesto durante la seduta di lunedì 6 maggio dal consigliere leghista Radames Razza, che ha dichiarato: “Non è stato ancora raggiunto un accordo”. Nella scorsa seduta erano emersi i nomi di Everest Bertoli e  Massimo Codarin e il rinvio era stato richiesto dal capogruppo di Lista Dipiazza Vincenzo Rescigno. Le dimissioni dell'ex presidente Marco Gabrielli risalgono al 21 marzo scorso. 

Marco Toncelli (PD)

Accorato e spazientito l'intervento di Marco Toncelli (PD): “La cosa più imbarazzante e scandalosa è che quest'aula è schiava del vostro mercato. Voi da aprile continuate a rinviare e mercanteggiare il presidente del consiglio, non dovete fare le cose a vostro uso e consumo questa è l'aula dei cittadini e deve lavorare per il bene di tutti. A questo punto ci aspettiamo l'elezione non dopo le europee ma dopo gli europei”.

Famulari (PD) e Menis (M5S)

Risolutiva la decisione della capogruppo del PD Laura Famulari: “E'inaccettabile che da due mesi il consiglio lavori senza un presidente, quindi il Partito Democratico esce dall'aula. La maggioranza è ostaggio della Lega, questa città merita di meglio”.

Si unisce alla linea anche Paolo Menis del Movimento 5 Stelle: “Chiediamo anche al vicepresidente  Svab di dimettersi e di non reggere il gioco a questa maggioranza che non ha ancora trovato un sostituto a Marco Gabrielli”.

Bertoli (Lega): "Autogol clamoroso del PD"

Nella fase precedente alla mancata votazione si era svolta l'audizione dell'assessore regionale al Lavoro Alessia Rosolen sul tema della crisi lavorativa e industriale a Trieste alla presenza dei sindacati. Così ha commentato l'ex forzista Everest Bertoli, ora parte della Lega: “L'autogol più clamoroso del PD. Abbandona il Consiglio dedicato alle crisi lavorative e non vota la variante del piano regolatore sulla 'Fiera'. Variante che si stima porterà circa 200 posti di lavoro compreso l'indotto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ex "Fiera", Polli: "200 nuovi posti di lavoro con riqualificazione"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, altra impennata in Fvg: 147 positivi e sei morti, i contagiati sono oltre 1100

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Coronavirus, altro balzo in avanti: in Fvg i contagiati ora sono 1223, 13 guariti in più

  • I contagiati salgono a 930, 54 decessi: il bollettino del FVG

  • Firmato il decreto, la lista di cosa resta aperto e cosa chiude da lunedì

Torna su
TriestePrima è in caricamento