Cro di Aviano, Bolzonello (Pd): «Fiducia su mantenimento terapia protonica»

Il vantaggio principale della terapia è la capacità di localizzare più precisamente il dosaggio delle radiazioni ionizzanti rispetto ad altri tipi di radioterapia esterna

«La tecnologia a protoni, destinata al Cro di Aviano, è una risposta rispetto al futuro della medicina e della ricerca della nostra regione. Per questo motivo, in questi mesi ho mantenuto costanti contatti con l'assessore Riccardi ottenendo certezze sul proseguimento dell'iter sulle quali posso dire di avere fiducia». Commenta così, il capogruppo del Pd, Sergio Bolzonello, la conferma sul fatto che la terapia protonica rimarrà al Cro di Aviano.

La protonterapia (o terapia protonica) è un tipo di adroterapia (radioterapia che fa ricorso a adroni) che utilizza un fascio di protoni per irradiare un tessuto biologico malato, spesso nel trattamento dei tumori. Il vantaggio principale della terapia protonica è la capacità di localizzare più precisamente il dosaggio delle radiazioni ionizzanti rispetto ad altri tipi di radioterapia esterna.

«La strumentazione è destinata al Cro proprio in virtù del ruolo che esso ricopre per l'intero FVG come centro regionale oncologico. Un ruolo che è testimoniato anche dai numeri visto che ogni anno l'istituto cura circa 2.200 pazienti, un numero che è la somma dei pazienti curati, per cure oncologiche, negli ospedali di Udine e Trieste. La tecnologia a protoni è sicuramente un modo per pensare in grande la nostra sanità rapportandola al tema della ricerca. Si tratterebbe, per come è pensata, di una strumentazione unica in Italia che proietterebbe l'intero sistema della ricerca ospedaliera in ambito internazionale, inserendosi nel futuro della terapia oncologica».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo Bolzonello si tratta di «uno strumento che diventerebbe volano non solo per il Cro ma per tutto il sistema regionale dedicato alle cure oncologiche, proprio perché lo strumento a protoni s'inserirebbe in un ragionamento complessivo sull'intero territorio regionale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, altra impennata in Fvg: 147 positivi e sei morti, i contagiati sono oltre 1100

  • I contagiati salgono a 874, decessi a quota 47: il bollettino di oggi in Fvg

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Coronavirus, altro balzo in avanti: in Fvg i contagiati ora sono 1223, 13 guariti in più

  • I contagiati salgono a 930, 54 decessi: il bollettino del FVG

Torna su
TriestePrima è in caricamento