Cultura e turismo, Morgera (M5S): «Faremo un Piano strategico regionale per valorizzare i beni culturali»

«Siamo convinti che la cultura sia un tema ineludibile per lo sviluppo e l'occupazione del Friuli Venezia Giulia»

Secondo lo studio di Symbola e Unioncamere “Io sono cultura - L'Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi”, in Italia il sistema produttivo culturale ha quasi raggiunto i 90 miliardi di euro nel solo 2016. Stiamo parlando del 6% del PIL nazionale con 1,5 milioni di persone occupate: una filiera che cresce e che è caratterizzata da un importante aumento nel livello d'istruzione di chi ci lavora, anche qui in Friuli Venezia Giulia.

La cultura oggi rappresenta senza dubbio una delle risposte più forti alla crisi decennale, da cui ancora facciamo fatica ad uscire. «Sono molteplici gli angoli di visuale dai quali - si legge nel rapporto presentato ieri a Trieste - si può osservare la presenza della cultura all'interno dell'economia». Uno di questi è il binomio cultura e turismo: «La presenza di un patrimonio artistico inestimabile e di una fiorente attività culturale - continua lo studio di Symbola e Unioncamere - non può che esercitare un fattore attrattivo nei confronti della domanda di viaggi e vacanze». Stando ai dati regionali appena pubblicati “spicca il Friuli Venezia Giulia - si legge ancora -, con una quota di spesa turistica attribuibile all'attivazione culturale che arriva al 51,6% nel 2016, seguita da Marche 51,1% e ancora: Lazio e Piemonte, rispettivamente 50,1% e 48,8%”.

«Siamo convinti - spiega il candidato del MoVimento 5 Stelle alla presidenza della Regione Fvg Alessandro Fraleoni Morgera - che la cultura sia un tema ineludibile per lo sviluppo e l'occupazione del Friuli Venezia Giulia: per questo vogliamo creare un Piano strategico regionale in grado di valorizzare e aumentare le risorse a tutela dei beni culturali integrando, ancora di più e meglio di quanto fatto finora, il turismo con la cultura. Nel nostro programma la promozione del turismo è una leva indispensabile per stimolare la crescita nella Regione: le eccellenze agricole, i prodotti tradizionali e tutto il comparto enogastronomico sono al centro del nostro programma ma hanno bisogno di essere accompagnate da idee nuove in grado di avvicinarsi alle esigenze dei turisti e dei nostri stessi cittadini».

«Il Piano strategico regionale che metteremo in atto - precisa Fraleoni Morgera - distribuirà sul territorio molteplici iniziative dedicate all'ecoturismo e al cicloturismo, sposandole al turismo rurale e a quelle di carattere culturale e sportivo. Nel Friuli Venezia Giulia coesistono una vastità di paesaggi, culture e microclimi che moltissimi ancora non conoscono: sappiamo bene che lo sviluppo economico futuro parte da noi e dal territorio che abitiamo e viviamo quotidianamente. Sarà nostro compito fare in modo che il Friuli Venezia Giulia diventi un luogo d'attrazione e di cultura e non soltanto una regione di passaggio come troppo spesso avviene fino ad oggi. Come lo studio di Symbola e Unioncamere conferma - conclude Fraleoni Morgera - sarà proprio la cultura il volano ideale per lo sviluppo turistico del Friuli Venezia Giulia che vogliamo: noi del MoVimento 5 Stelle siamo pronti a raccogliere la sfida».

Potrebbe interessarti

  • Dieta low carb, eliminare o sostituire i carboidrati nella nostra alimentazione?

  • Cucina di mare a Trieste, dove e perché mangiare pesce

  • Lenti a contatto, le cattive abitudini che danneggiano la salute dei nostri occhi

  • Rinnovo patente b, procedure e documenti necessari

I più letti della settimana

  • Squalo Mako di 4 metri avvistato in Croazia

  • Statua di D'Annunzio, Corona si schiera con Dipiazza: "Lascia perdere il Pd"

  • Schianto contro il guardrail nella notte, morto un motociclista

  • Squalo nell'Adriatico, parla l'esperto: come non finire nelle fauci di un Mako

  • Trieste-Lussinpiccolo in aliscafo: dal 29 giugno al via i collegamenti

  • Blitz dei NAS nella pizzeria La Caprese, multe per oltre 7000 euro

Torna su
TriestePrima è in caricamento