Regolamento Ater, violenza domestica e requisiti minimi: le modifiche approvate in via preliminare

Si tratta di modifiche apportate per recepire i contenuti della riforma organica delle politiche abitative e riordino delle Ater del 2018, con particolare riferimento ai requisiti minimi dei beneficiari e all'introduzione della decadenza dall'assegnazione dell'alloggio di edilizia residenziale pubblica per gli autori di delitti di violenza domestica.

La Giunta regionale, su proposta dell'assessore a Infrastrutture e territorio, ha approvato in via preliminare le modifiche al regolamento sulle modalità di gestione degli alloggi di edilizia sovvenzionata in carico alle Ater.

Si tratta di modifiche apportate per recepire i contenuti della riforma organica delle politiche abitative e riordino delle Ater del 2018, con particolare riferimento ai requisiti minimi dei beneficiari e all'introduzione della decadenza dall'assegnazione dell'alloggio di edilizia residenziale pubblica per gli autori di delitti di violenza domestica.

Il nuovo regolamento, inoltre, apporta modifiche ritenute necessarie in relazione al rapporto Ater/aspiranti inquilini, con riguardo a una più chiara specificazione dei nuclei composti da persone anziane; agli elementi indicativi dello stato di bisogno, ampliando la fascia dei soggetti aventi diritto, includendo anche le persone destinatarie di provvedimenti di rilascio emessi da organizzazioni assistenziali; all'uniformità di trattamento tra la persona disabile richiedente l'abitazione e il disabile, non richiedente, facente parte del nucleo familiare destinatario dell'alloggio.

Le modifiche riguardano anche l'abrogazione, tra i motivi di revoca dell'assegnazione, del mancato pagamento del canone mensile per un periodo continuativo di dodici mesi, demandando l'obbligo della corresponsione del corrispettivo alle disposizioni del Codice Civile ed a quanto pattuito in sede di stipula dei contratti ed evitando, di conseguenza, mirate interruzioni temporali del periodo continuativo con pagamenti sporadici; la titolarità, in capo all'assegnatario o altro componente del nucleo, di diritti reali su altri alloggi quale motivo di revoca dell'assegnazione; i contenuti e termini dei provvedimenti di annullamento e revoca dell'assegnazione; l'adeguamento temporale della validità delle nuove certificazioni Isee.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Unione Istriani su 25 Aprile: "Inaccettabile il discorso del sindaco Klun"

  • Incidenti stradali

    Ubriaca alla guida danneggia un palo della luce: denunciata

  • Cronaca

    25 aprile in Risiera, 300 persone dentro e 1500 in corteo

  • Cronaca

    Furto auto e bici: ritrovate in buono stato dalla Polizia

I più letti della settimana

  • I tagli di capelli più trendy del 2019

  • Costa Crociere offre 48 posti di lavoro: ancora 3 giorni per candidarsi

  • Grave incidente in A23: due morti in un tamponamento a catena

  • Il nuovo digitale terrestre e il Bonus Tv 2019

  • Disattivazione utenze, come cessare la fornitura di gas, luce e telefono

  • Quale lavatrice acquistare? Ecco tutte le informazioni

Torna su
TriestePrima è in caricamento