Amministrative 2016, Carini (Startup): «Libereremo Trieste dalla morsa di una Regione friulanocentrica»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

«Ascoltare e verificare con gli organismi competenti le istanze proposte dai movimenti autonomisti triestini di stampo moderato: è questo l’impegno – afferma Fabio Carini, candidato sindaco della lista civica apartitica Startup Trieste – che mi assumerò da primo cittadino di Trieste, rappresentando in questo modo ogni parte della collettività locale con l’obiettivo di individuare le migliori opportunità di sviluppo per la nostra città».

«Startup Trieste – aggiunge Carini – crede in una Trieste capitale d’Europa e, di conseguenza, nello strumento Città Metropolitana per liberarsi dalla morsa di una Regione friulanocentrica che, non a caso, vorrebbe impedirci di rivendicare il nostro giusto spazio in Europa. Dobbiamo essere in grado – evidenzia Carini – di recuperare e gestire direttamente i fondi europei, garantendoci potestà decisionali in settori chiave quali, ad esempio, sanità, trasporti e commercio. In Italia sono città metropolitane già Roma, Milano, Napoli, Torino, Palermo, Bari, Catania, Firenze, Bologna, Genova, Venezia Messina e Cagliari: perché non Trieste?».

«Invece di continuare a gettare al vento preziose risorse pubbliche per farsi recapitare da un advisor inutili ed incompleti progetti elettorali sul futuro del Porto Vecchio, il sindaco di Trieste – sottolinea Carini – ha e avrà l’obbligo morale di acquisire informazioni ed interpretazioni sicure oltre che insindacabili sulle tematiche esposte dai movimenti autonomisti moderati».

«Sono convinto che, in una città fatta di tante splendide comunità diverse quale Trieste, questa visione pragmatica e garantista possa essere condivisa da tutti. Il dubbio – conclude Carini – è l’anima delle incomprensioni ed è quindi necessario conoscere una volta per tutte cosa si può e cosa non si può fare e, di conseguenza, quale strada va o meno imboccata».

I più letti
Torna su
TriestePrima è in caricamento