Pista ciclabile Campi Elisi, Dipiazza: «450 mila euro buttati, ultimo danno della giunta Cosolini»

Affondo del candidato sindaco del centro destra Roberto Dipiazza: «Siamo riusciti a fare una cosa che è fuori da quello che mente umana può pensare»

«La pista ciclabile in Campi Elisi, soldi europei buttati via per un'opera che mette i cittadini in pericolo e dimostra il poco rispetto che il Sindaco uscente ha per loro.  Oltre alla poca sicurezza della pista, sono stati eliminati tutti i posteggi per i cittadini del rione che lavorano e pagano le tasse».

E’ quanto afferma il candidato sindaco del centro destra Roberto Dipiazza sulla sua pagina Facebook ufficiale.

«E’ stato l’ultimo danno della giunta Cosolini – sottolinea Dipiazza. Siamo riusciti a fare una cosa che è fuori da quello che mente umana può pensare. Qui succederanno incidenti, abbiamo tolto centinaia di parcheggi. Io non riesco perché dobbiamo buttare via 450 mila euro di fondi europei per un progetto simile. Cosolini, questo non dovevi farlo». Roberto Dipiazza

«Con questo progetto – spiega un triestino intervistato da un collaboratore di Dipiazza – il candidato sindaco del centro sinistra avrà guadagnato 10 voti ma persi 10 mila. Tale pista è pericolosissima perché ci sono incroci ogni 50 metri. Hanno tolto moltissimi parcheggi in zona, senza considerare che abbiamo il polo natatorio proprio qui, una scuola, un’uscita della superstrada ed un ingresso ed uscita del porto. Non sappiano più dove parcheggiare la nostre autovetture. Non hanno minimamente interpellato i cittadini, realizzando tale progetto con una velocità straordinaria. E’ una pista ciclabile assolutamente non in sicurezza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Test Invalsi obbligatori per superiori e medie, ecco le date e i contenuti delle prove

  • Errore tecnico dell’Inps nel calcolo delle pensioni di dicembre e gennaio: ecco cosa fare

  • Fondo milanese si "disfa" delle sue proprietà, venduti 1300 metri quadrati alle Torri

  • ​Impermeabilizzazioni edili, come rendere il terrazzo sicuro e resistente senza spendere troppo

  • Chiude il "Caffè dei libri": il tribunale dichiara il fallimento

  • “Era il ‘Bronx’, oggi è un gioiello” l'evoluzione di borgo San Sergio per i residenti (FOTO)

Torna su
TriestePrima è in caricamento