Porti, Dipiazza (Fi): «Se Serracchiani non ha capito, mi chiami al telefono le spiego come sviluppare economia città»

Dura risposta da parte del candidato sindaco Roberto Dipiazza sulle polemiche della Presidente della Regione, Debora Serracchiani in merito a una possibile collaborazione tra i porti di Venezia e Trieste. Dipiazza: «Se c'è qualcuno che ha svenduto Trieste per un piatto di lenticchie è proprio lei con le sue riforme»

Arriva in serata la risposta del candidato sindaco Roberto Dipiazza alle polemiche della presidente Debora Serracchiani, scaturite da una possibile collaborazione tra il porto di Venezia e quello di Trieste.

Roberto Dipiazza: «Se la presidente della Regione Serracchiani non ha capito quello di cui si è parlato ieri con il Sindaco di Venezia Brugnaro, allora mi chiami al telefono. Mi farà piacere spiegarle come si può sviluppare l'economia della città sfruttando le collaborazioni con altre città».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poi rispondendo alle parole della presidente Serracchiani, Roberto Dipiazza ha aggiunto: «Se c'è qualcuno che ha svenduto Trieste per un piatto di lenticchie è proprio lei con le sue riforme».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Il virus in Croazia preoccupa Lubiana, al vaglio l'ipotesi di toglierla dalla lista dei paesi sicuri

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

Torna su
TriestePrima è in caricamento