Enti locali, Bolzonello (Pd): «Il territorio ha parlato, Roberti non può ignorare queste voci»

«D'ora in poi ci saranno Comuni di serie A e Comuni di serie B, e quelli da punire saranno i Comuni all'interno delle Uti, colpevoli di aver aderito alla riforma»

Sergio Bolzonello

«A partire dall'assessore regionale Roberti, ora la Giunta Fedriga deve tener conto della decisione del Comitato delle autonomie locali e agire coerentemente con le garanzie date in campagna elettorale. La Lega aveva predicato dialogo, ascolto e condivisione, insomma considerazione per i soggetti coinvolti nel sistema delle Autonomie locali: mantenga la parola».
A dirlo è il capogruppo del Pd in Consiglio regionale, Sergio Bolzonello, intervenendo nel dibattito sulle Autonomie locali e in particolare sulla decisione assunta dal Cal.

«Quanto accaduto - agginge Bolzonello - è significativo, il territorio ha parlato e Roberti non può ignorare queste voci. Eppure sembra che non sarà così: d'ora in poi ci saranno Comuni di serie A e Comuni di serie B, e quelli da punire saranno i Comuni all'interno delle Unioni territoriali intercomunali (Uti), colpevoli di aver aderito alla riforma».
«Roberti va avanti lo stesso, incitato dai sindaci "ribelli" - afferma Bolzonello riferendosi a coloro che non hanno aderito a una Uti - che ora vogliono riscuotere il prezzo della loro azione contro la ex Giunta di centrosinistra. Allora ci chiediamo dov'è finito il dialogo con il territorio: vediamo solo una Lega che comanda e i Comuni che devono obbedire».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Blitz dei Nas in due locali a Campi Elisi, oltre 12 mila euro di multa

  • "Liberata dall'occupazione jugoslava nel '54", Jerry Scotti fa confusione sulla storia di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento