"Un esule sia nominato senatore a vita", l'appello di FI

La proposta dei deputati del FVG di Forza Italia Roberto Novelli, Sandra Savino e Guido Germano Pettarin: “Non si tratta di una provocazione, ma di una richiesta accorata e motivata dall’esigenza di diffondere la conoscenza di una pagina di storia per troppo tempo trascurata"

Un appello al presidente della Repubblica Sergio Mattarella affinché nomini senatore a vita un esule giuliano-dalmata o istriano. A firmarlo e inviarlo al Quirinale tre deputati del FVG di Forza Italia: Roberto Novelli, Sandra Savino e Guido Germano Pettarin

Non una motivazione

Non si tratta di una provocazione, ma di una richiesta accorata e motivata dall’esigenza di diffondere la conoscenza di una pagina di storia per troppo tempo trascurata e rendere omaggio alla memoria delle vittime della tragedia delle Foibe e dell’esodo”, spiega Novelli, ricordando di aver raccolto e tramutato in atto formale la proposta avanzata alcune settimane fa dal giornalista Toni Capuozzo. 

Foibe: Fedriga, stop contributi a chi nega dramma confine orientale 

Liliana Segre

“La nomina a senatrice a vita Liliana Segre è stata una scelta importante e simbolica: un messaggio affinché si tenga viva la memoria della persecuzione della popolazione ebraica. Con lo stesso intento chiediamo al presidente Mattarella di valutare la possibilità di nominare un esule. Non sarebbe il primo parlamentare vittima dell’esodo, ma sarebbe il primo a entrare nelle istituzioni in quanto testimone diretto di quella tragedia”, prosegue Novelli. 

Savino e Pettarin

“Riteniamo doveroso – aggiungono Savino e Pettarin - presentare questa istanza al presidente della Repubblica che ha dimostrato grandissima sensibilità su questi temi, anche perché nonostante tutta la strada che è stata fatta ancora oggi assistiamo a prese di posizione negazionistiche e revisionistiche e ad offese alla tragedia degli esuli che speravamo proprio di non dover più ascoltare. E’ per questo che come parlamentari del Friuli Venezia Giulia, e in particolare dell’area giuliana, ci permettiamo di avanzare questa richiesta al presidente della Repubblica, confidenti nella sua figura istituzionale al di sopra di ogni parte”.

Vandalismo al parco Martiri delle Foibe a Udine

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • pagar un altro per cosa? ricordar solo la tragedia delle foibe? basta i libri e la sensibilizzazion a scola. El resto xe un spreco de soldi inutile, ma da sforza itaglia no podevo spetarme altro.

  • E un senatore a vita anche un abitante di Strada per Longera no?

  • Giustissimo rendere omaggio alle vittime innocenti ed ai drammi degli esuli che i fascisti hanno creato direttamente o indirettamente soggiogando la popolazioni non italiana dell'allora venezia giulia. Speriamo solo non si pretenda di fare senatori a vita slavi, libici, somali, eritrei, albanesi, etc solo per onorare la memoria delle stragi che il nostro esercito fascista ha compiuto in giro per il mondo durante il ventennio. In tal caso proporrei una carica onoraria senza compenso perchè altrimenti gli stipendi da erogare sarebbero troppi....Decisamente meglio ricordare solo l'esodo degli istriani con 1 o 2 senatori a vita, il portafoglio ringrazia!!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    FVG Pride, Morena (Open FVG): "La Giunta nega piazza Unità: una vergogna"

  • Cronaca

    Femminicidio, la madre di Nadia Orlando: “Può succedere a chiunque” (VIDEO)

  • Cronaca

    Trieste in prima serata sulla tv di stato russa

  • Cronaca

    TARI, il Comune di Muggia: "Aumento ingiustificato, differenziata al 70%"

I più letti della settimana

  • Hollywood arriva a Trieste per tre giorni di riprese

  • Rubava dalla cassa: arrestata dipendente del "Pane quotidiano"

  • Si lancia contro un'auto per simulare un incidente: arrestato per truffa

  • Maltrattamenti e violenze sui cani, le testimonianze dei residenti

  • Vicenza-Triestina 0 a 2 | Le pagelle: Costantino-Procaccio, uno due micidiale

  • Fedriga ha la varicella, gogna social dai fan di Burioni

Torna su
TriestePrima è in caricamento