Massimiliano Fedriga (Ln): «Scorretto attribuire a dipendenti regionali i fallimenti di Serracchiani»

Il capogruppo alla Camera e segretario della Lega Nord Fvg Massimiliano Fedriga sulle dichiarazioni di Paolo Coppola (Pd)

«Meschino sostenere che la colpa dei fallimenti della sinistra in Friuli Venezia Giulia sia dovuta all'inefficienza dei dipendenti regionali». Duro affondo del capogruppo alla Camera e segretario della Lega Nord Fvg Massimiliano Fedriga in risposta alle dichiarazioni del collega del Pd Paolo Coppola al Messaggero Veneto.

«Attribuire ai dipendenti regionali le colpe dei fallimenti di Serracchiani è scorretto e di pessimo gusto, una vera e propria mistificazione utile a gettare fango su chi lavora ogni giorno con serietà per la nostra comunità».

«Umiliare i collaboratori per alleggerirsi la coscienza dopo aver sbagliato pressoché tutto, penso in primo luogo alle scellerate riforme sanitaria e degli Enti Locali, manifesta il livello di meschinità che alcune persone riescono a raggiungere pur non di non assumersi le proprie responsabilità».

«Mi auguro pertanto che Serracchiani, la Giunta e l'intera maggioranza in Consiglio prendano immediatamente e nettamente le distanze da tali incredibili affermazioni di Coppola. Massima solidarietà infine ai dipendenti regionali: il vento sta cambiando - conclude Fedriga - e la loro professionalità, anziché essere calpestata avanti dal Pd, verrà presto valorizzata».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fondo milanese si "disfa" delle sue proprietà, venduti 1300 metri quadrati alle Torri

  • ​Impermeabilizzazioni edili, come rendere il terrazzo sicuro e resistente senza spendere troppo

  • Cade in acqua con la gamba fratturata: salvato "per miracolo" in porto

  • Auto con 5 persone si cappotta a Santa Croce: tre minori al Burlo

  • “Era il ‘Bronx’, oggi è un gioiello” l'evoluzione di borgo San Sergio per i residenti (FOTO)

  • Piacenza-Triestina 1 a 2 | Le pagelle: bum bum Maracchi, l'Unione espugna Piacenza

Torna su
TriestePrima è in caricamento