Ferriera, FareAmbiente: «Annunci non tranquillizzano abitanti, servono fatti concreti»

Lo riferisce in una nota Giorgio Cecco, coordinatore regionale di FareAmbiente: «Continuano annunci a mezzo stampa sulla situazione della Ferriera di Servola e sulla sorte dell'area a caldo da parte della proprietà e delle istituzioni, che comunque non tranquillizzano»

«Continuano annunci a mezzo stampa sulla situazione della Ferriera di Servola e sulla sorte dell’area a caldo da parte della proprietà e delle istituzioni, che comunque non tranquillizzano»

Lo riferisce in una nota Giorgio Cecco, coordinatore regionale di FareAmbiente.  giorgio cecco-2

«Ora - continua la nota -  si porta la verifica sull’efficacia dei dispositivi per il contenimento delle emissioni ad aprile, quindi fra appena sei-sette mesi, così come la decisione sulla produzione a caldo che potrebbe anche essere aumentata se vantaggiosa economicamente, tutto ciò non può che preoccupare dal punto di vista della salute pubblica e della tutela ambientale».

«Chiediamo al Sindaco - conclude - di monitorare gli interventi in prima persona affinchè i lavori si completano al più presto e che da dicembre la Ferriera non sia più un problema per nessuno, come promesso».

Potrebbe interessarti

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Come lavare i cuscini in modo corretto, consigli utili

  • Pomodori secchi, proprietà benefiche e preparazione in casa

  • Usi e benefici della lavanda, come coltivare la pianta dal profumo incantevole

I più letti della settimana

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Schianto mortale a Sant'Andrea: 54enne perde la vita

  • Ristoranti di pesce nel mirino, 55 mila euro di multe, nove denunce e cinque chiusure

  • Quattrocento posti per diventare operatore socio sanitario, al via i corsi gratuiti

  • Polli: "Non fuggono dalla guerra, sono palestrati", ma è una foto del cantante Tequila Taze

  • Malore in spiaggia, bambina finisce al Burlo

Torna su
TriestePrima è in caricamento