Ferriera, M5S: «Arvedi dica chiaramente quali sono le sue reali intenzioni»

Nota di Stefano Patuanelli e Paolo Menis, consiglieri comunali M5S: «Il tentativo di scaricare su altri l'eventuale fallimento del risanamento ambientale che, a parole, Siderurgica Triestina sta portando avanti a Servola, va respinto al mittente»

In relazione alle dichiarazioni del cav. Arvedi pubblicate oggi, Stefano Patuanelli e Paolo Menis consiglieri comunali M5S, rilasciano la seguente nota: «Il tentativo di scaricare su altri l'eventuale fallimento del risanamento ambientale che, a parole, Siderurgica Triestina sta portando avanti a Servola, va respinto al mittente. Nelle parole del cavalier Giovanni Arvedi si posso leggere almeno due  messaggi».

«Il primo - spiegano i consiglieri - , al Sindaco, può essere tradotto con un "comando io e faccio ciò che voglio, se e quando chiudere l'area a caldo lo deciderò solo io».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Il secondo, - conclude la nota -  alla città, sembra il classico "ecco a chi dovrete dare la colpa se me ne vado". Arvedi dica chiaramente quali sono le sue reali intenzioni, una volta per tutte, senza scaricare il barile sui cittadini e sulle forze politiche critiche nei confronti della sua gestione della Ferriera di Servola».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: la console croata chiarisce la posizione del Paese

  • Intimano l'alt e gli puntano il fucile contro: la gita in bosco si trasforma in un incubo

  • Blocco unilaterale dei confini, Fedriga chiede l'intervento del Governo

  • Va a sbattere contro un cassonetto, brutto incidente in strada di Fiume

  • La Slovenia fa dietrofront: le frontiere apriranno gradualmente

  • La giunta "riscrive" il calendario delle feste: la Liberazione sarà il 12 giugno

Torna su
TriestePrima è in caricamento