Foibe, Ussai (M5S): "Bocciata la nostra proposta contro strumentalizzazioni"

L'ordine del giorno del Movimento 5 Stelle mirava  a “promuovere la divulgazione della storia nelle scuole anche con il documento della Commissione italo-slovena del 25 luglio 2000”. Una relazione sostenuta anche dal consigliere Gabrovec e dal presidente della repubblica di Slovenia Borut Pahor

Bocciato dalla Giunta regionale un ordine del giorno del Movimento 5 Stelle che mirava  a “promuovere la divulgazione negli istituti scolastici della storia peculiare della nostra regione anche attraverso il documento della Commissione italo-slovena del 25 luglio 2000”. 

Foibe, Fedriga: "Sì a raccolta firme dell'Unione Istriani contro negazionismo" 

"Sprecata occasione per una memoria pacificata"

 “Il nostro obiettivo, in un momento in cui il tema delle Foibe e dell’Esodo è tornato prepotentemente alla ribalta delle cronache – spiega il capogruppo M5S in Consiglio regionale, Andrea Ussai – è di arrivare a una memoria pacificata, superando le strumentalizzazioni che accompagnano sempre questo tema. Spiace che il presidente Fedriga, respingendo il nostro ordine del giorno, firmato anche dall’esponente della minoranza slovena Igor Gabrovec, non abbia colto questa occasione così come la sua maggioranza che ha votato compattamente contro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un documento sostenuto da Borut Pahor

La relazione della comissione storica italo-slovena era stata chiamata in causa anche dal presidente sloveno Borut Pahor in seguito alle polemiche sorte dopo il Giorno del Ricordo. In un incontro con Antonio Tajani, Pahor aveva consegnato al presidente dell'Europarlamento la relazione della comissione storica italo-slovena (che illustra i rapporti tra le due nazioni dal 1880 al 1956), proponendo di riportare in auge il documento al fine di realizzare un volume di testo comune per le scuole italiane e slovene.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Da domani mascherine non più obbligatorie all'aperto e a distanza

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • La dieta a Zona per dimagrire e migliorare le funzioni dell'organismo: come funziona

  • Covid 19: nessun morto in Fvg nelle ultime 48 ore, due nuovi casi a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento