Migranti, Giacomelli (FdI): «Minniti dia delle risposte ai cittadini sulla carenza di controlli e agenti sui confini»

«Passati più di due anni dall'interrogazione al Ministro dell'Interno dell'on. Fabio Rampelli sul confine triestino e sui problemi degli afflussi incontrollati di profughi nelle nostre terre»

Claudio Giacomelli

«Il 23 luglio del 2015 (più di 2 anni fa), l’on. Fabio Rampelli – capogruppo alla Camera di FdI - presentava per Fratelli d’Italia Trieste un’interrogazione al Ministro dell’Interno sul confine triestino e sui problemi degli afflussi incontrollati di profughi nelle nostre terre. Il Ministro dell’Interno Alfano non ha mai risposto. E nemmeno Minniti pare ritenere che ci sia fretta».
Queste le affermazione del portavoce provinciale di Fratelli d'Italia Trieste Claudio Giacomelli.

«Vale ricordarne il testo - continua -»:
“AttoCamera Interrogazione a risposta scritta 4-09961 presentato da RampelIi Fabio, Giovedì 23 luglio 2015, seduta n. 467
Rampelli. — Al Ministro dell'interno . — Per sapere – premesso che:
a Trieste la maggior parte degli immigrati e richiedenti asilo arriva dal confine via terra con la Slovenia, Paese dell'area Schengen, che a sua volta confina con altri Paesi dell'area quali la Croazia e l'Austria;
di conseguenza, in base al regolamento di Dublino, dovrebbero essere questi Paesi e non l'Italia a identificare gli immigrati e a svolgere sul proprio territorio la procedura per i richiedenti asilo;
il mancato rispetto del regolamento pone l'Italia in una condizione di difficoltà e appare pertanto opportuno che il nostro Paese, come già fanno la Francia e l'Austria, applichi i trattati di riammissione, in base ai quali gli Stati firmatari si sono accordati per respingere reciprocamente gli immigrati irregolari che provengono dal territorio dell'altro Paese;
l'Italia ha siglato trattati di questo tipo con una ventina di Paesi, tra i quali anche la Slovenia, sin dal 1996, l'Austria e la Croazia;
ai fini dell'applicabilità dei citati trattati sono di particolare importanza le tempistiche relative all'ingresso e alla scoperta della presenza sul territorio nazionale degli stranieri, e questo rende assolutamente necessario il potenziamento delle forze dell'ordine lungo il confine –:
quali urgenti iniziative intenda assumere affinché l'Italia faccia rispettare le norme dei trattati di riammissione rispetto alla situazione di cui in premessa. 
(4-09961)”

«Da due anni Fratelli d’Italia Trieste chiede spiegazioni sulla carenza di controlli e agenti sui nostri confini - prosegue Giacomelli -. Da due anni chiediamo vengano applicati i trattati di riammissione con la Slovenia. Due anni prima delle lettere dei sindaci e delle conversioni elettorali della Presidente della Regione».
«Il Governo - conclude - prenda atto che non esiste solo la rotta mediterranea. Prenda atto delle migrazioni via terra nel nord-est del Paese e della permeabilità del confine di Trieste a passaggi di uomini, droga e armi. Dia delle risposte ai cittadini di questa terra, altrimenti la visita del Ministro Minniti sarà solo una passerella».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid 19: boom di contagi in Croazia, 95 in un giorno

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Il virus in Croazia preoccupa Lubiana, al vaglio l'ipotesi di toglierla dalla lista dei paesi sicuri

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

  • Tutti i nuovi contagi sono fuori Trieste, nessun decesso in Fvg

Torna su
TriestePrima è in caricamento