Immigrati, CasaPound: «Basta sperpero di soldi pubblici per la prima accoglienza»

È quanto afferma in una nota CasaPound Italia Fvg: ««I flussi, aumentati di giorno in giorno, hanno fatto del nostro territorio la Lampedusa del nord a causa del mancato intervento della politica regionale, assente e asservita ai diktat dell'Unione europea»

«"Riqualificare le ex caserme: prima agli italiani" è il messaggio contenuto su uno striscione affisso dai militanti di CasaPound Italia Fvg  in vista della riqualificazione dei siti muggesani scelti per ospitare gli immigrati». È quanto afferma in una nota CasaPound Italia Fvg.

«Siamo contrari - continua la nota - a qualsiasi forma d'investimento di denaro pubblico in opere di riqualifica di ex caserme o di palazzine militari da destinare alla prima accoglienza e riteniamo inaccettabile la nascita di 6 hub di smistamento nella regione».IMG-20150625-WA0001-2

«I flussi - conclude CasaPound Italia Fvg - , aumentati di giorno in giorno, hanno fatto del nostro territorio la Lampedusa del nord a causa del mancato intervento della politica regionale, assente e asservita ai diktat dell'Unione europea. Ora basta, progetti come l'accoglienza diffusa dei migranti si sono già dimostrati fallimentari».

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Freschi di stagione o secchi, ecco perché mangiare fichi fa bene alla salute

  • Tutti con lo sguardo verso il cielo, appuntamento questa sera con l'eclissi di Luna Rossa

  • Canizie precoce, cause e rimedi per prevenire la comparsa dei capelli bianchi

I più letti della settimana

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Zalone girerà a Trieste: si cercano 1000 comparse "di tutte le etnie"

  • Cancro al polmone e malattie respiratorie, Trieste tra le città italiane più colpite

  • Esercito in centro, Famulari: "Non sono la miglior accoglienza per una città turistica"

  • Risse e chiasso: licenze sospese a due bar

  • Maxi frode in tutta Europa con sequestri per 80 milioni di euro e 25 arresti, in carcere doganiere triestino

Torna su
TriestePrima è in caricamento