Immigrazione: Roberti entra a far parte del Tavolo nazionale sui flussi migratori

La proposta è stata approvata all'unanimità dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. Roberti: "Organismo di grande rilevanza"

Includere al Tavolo di coordinamento nazionale sui flussi migratori non programmati due rappresentanti delle Regioni, ovvero Pierpaolo Roberti, quale assessore alla Autonomie locali, sicurezza e immigrazione del Friuli Venezia Giulia e Maria Ippolito, quale assessore alla Famiglia, politiche sociali e del lavoro della Sicilia. È questa la proposta approvata oggi all'unanimità dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, che verrà quindi trasmessa al Tavolo, coordinato dal sottosegretario al ministero dell'Interno con delega alla pubblica sicurezza e l'immigrazione, Nicola Molteni.

In merito l'assessore Roberti ha voluto ringraziare tutti i presidenti delle Regioni "per la convinzione con la quale hanno sostenuto questa proposta che riconosce l'importante ruolo svolto dal Friuli Venezia Giulia nel controllo e nella gestione dei fenomeni migratori. La nostra Regione, per la propria posizione geografica e il ruolo di porta verso l'area balcanica, è infatti strategica nel contrasto dell'immigrazione clandestina sia nel contesto italiano sia europeo".

Come ha evidenziato Roberti "si tratta di un organismo di grande rilevanza perché, oltre a coordinare l'attività dei Tavoli regionali, è chiamato a esprimere il proprio parere sulla suddivisione territoriale delle quote di migranti, ma anche sugli appalti per i beni e servizi collegati al funzionamento dei Centri di permanenza per il rimpatrio (Cpr) e dei Centri di prima accoglienza (Cpa)".

Oltre al coordinatore e ai delegati delle Regioni, del Tavolo fanno parte un rappresentante del Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione, uno del Dipartimento della pubblica sicurezza, uno del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, uno dell'Associazione nazionale dei Comuni italiani (Anci) e uno dell'Unione delle province d'Italia (Upi). A questi si aggiungono, durante la definizione del Piano nazionale per gli interventi volti a favorire l'integrazione dei beneficiari di protezione internazionale, anche i delegati del Dipartimento per le pari opportunità, dell'Alto commissariato della Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) e della Commissione nazionale per il diritto d'asilo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Nudo e ubriaco prende il sole al Cedas davanti a tutti

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

  • Frecce Tricolori: lunedì il volo su Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento