Melara, il centrodestra su mozione M5S: "Andava seguito l'iter"

Sulla questione delle auto nei corridoi, i consiglieri circoscrizionali di Lega, Fi e FdI: "Se il M5S ha impegnato l’amministrazione comunale ad un esborso di denaro pubblico inutile perché sarebbe stato sufficiente fare un solo incontro anziché tre"

A Melara si discute ancora sul problema delle auto nei corridoi del comprensorio, nell'ambito dell'accordo tra Comune e Ater. il centrodestra boccia la mozione del M5S in VI circoscrizione, i motivi vengono spiegati in una nota firmata da  Raffaele Tozzi e Mauro Tittonel della Lega, Gianluigi Pesarino Bonazza di Forza Italia, Marcelo Medau e Paolo Perini di Fratelli d’Italia.

"Il centrodestra - spiegano i consiglieri - ha bocciato la mozione 5 S, con la motivazione che non era stato seguito l’iter corretto e che andava fatto prima un incontro fra le parti, ATER, Comune e Polizia Locale, per capire come mai la scrittura privata/accordo sottoscritta tra Comune e Ater, non sia stato ancora soddisfatta nei vari punti previsti dall’accordo stesso. Da premettere necessariamente che l’accordo prevedeva, tra i vari punti, il reciproco consenso nel risolvere l’annosa problematica del transito e della sosta di autoveicoli nei corridoi del comprensorio di Melara, utilizzando la fattispecie prevista dal Codice della Strada di strada vicinale".  

Secondo gli esponenti di centrodestra, "Il perché di tale impasse è stato chiarito durante la seduta del Consiglio della VI Circoscrizione dello scorso 7 Novembre, alla presenza della Polizia Locale e dell’Ater: il problema  della mancata completa attuazione dell’atto, che il M5S aveva riesumato, è essenzialmente dovuta dal’art. 3 del Codice della strada, che definisce chiaramente le strade vicinali, come sono e quali caratteristiche devono avere per essere tali: le passeggiate all’interno del “Condominio di Rozzol Melara”, non hanno le peculiarità per essere annoverate tra le strade vicinali. Tale situazione contingente ha fatto  chiaramente decadere i presupposti del punto dell’accordo riguardante il transito e la sosta di automezzi nei corridoi o camminamenti di Melara, in quanto, come correttamente ricordato dalla Polizia Locale, esiste un principio di gerarchia delle Norme, e in questo caso il Codice della Strada è superiore all’accordo sottoscritto tra Comune e Ater".

"Altro problema  - continua la nota - è il discorso sicurezza all’interno delle “passeggiate”, che purtroppo sono di competenza dell’Ater, quale “Amministratore” dell’edifico stesso, e purtroppo è un problema che dipende molto da chi frequenta quelle aree, che non rispetta il bene, ma qui si entra nella sfera dell’educazione civica e il senso civico delle persone.
Tutto questo si sarebbe risolto se il Movimento 5 Stelle, avesse fatto le cose in maniera corretta seguendo i vari step, come suggerito da noi e anche dal PD, in ben due sedute, impegnando l’amministrazione comunale ad un esborso di denaro pubblico inutile perché sarebbe stato sufficiente fare un solo incontro anziché tre, rallentando, di fatto, il lavoro della Circoscrizione".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Nudo e ubriaco prende il sole al Cedas davanti a tutti

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

  • Frecce Tricolori: lunedì il volo su Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento