Migranti, Zilli (LN): «Ora regaliamo perfino case agli immigrati con i soldi pubblici»

«Pd primo sponsor di questa incontrollata immigrazione»

«Dopo aver spalancato le porte indiscriminatamente ai clandestini finanziando qualunque tipo di iniziativa a loro favore, tornei di calcio e corsi di teatro compresi, grazie a questo nuovo investimento a fondo perso regaliamo anche alloggi agli immigrati: una iniziativa meramente assistenziale, per altro profumatamente pagata con soldi pubblici. Così facendo non se ne andranno mai più dai nostri paesi, continuando a vivere sulle nostre spalle: il razzismo al contrario ormai è una realtà».
Così Barbara Zilli, consigliera regionale della Lega Nord, dopo il Question Time.
«Balza all'occhio, comunque, l'assenza di singoli comuni che hanno presentato la domanda, unico vero elemento su cui riflettere - dice Zilli. Poco valgono quindi le onorificenze che il prefetto ha scelto di dare ai sindaci dell'accoglienza: oggi conta più questo che lavorare per il futuro della propria comunità».

A margine della discussione, anche una polemica con il presidente del Consiglio regionale nel corso dell'intervento della consigliera in Aula «adducendo - dice - una non ben motivata violazione del regolamento consiliare per bloccare la mia replica. È evidente che quando il Pd va in difficoltà, cerca con tutti i mezzi di creare confusione istituzionale, distogliendo l'attenzione dalla questione principale. Siamo ormai in campagna elettorale».
«Ci saremmo aspettati comunque - continua Zilli in riferimento all'interrogazione - che tutti questi soldi venissero investiti in politiche per la famiglia, per le giovani coppie, per migliorare le città e i paesi: il Pd invece - dice ancora Zilli - preferisce investire a fondo perso in clandestini: una iniziativa vergognosa».
«Serracchiani e i suoi si dimostrano per quello che sono - conclude caustica Zilli - da un lato cercano disperatamente di recuperare consenso scoprendo improvvisamente che gli immigrati sono un problema e scrivendo letterine a Minniti, dall'altro si approvano bandi per garantire loro uno stabile futuro. In realtà sono proprio loro i primi sponsor di questa incontrollata immigrazione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

Torna su
TriestePrima è in caricamento