Migranti, Serracchiani: «Maggiori controlli nei porti di partenza»

Serracchiani commenta il ritrovamento di 53 profughi nel porto di Trieste, ammassati in un rimorchio sbarcato da un traghetto turco

«Abbiamo la conferma che il porto di Trieste è ben vigilato ma questo non basta, occorre un maggiore controllo nei porti di partenza».
Lo ha affermato la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, commentando il ritrovamento di 53 profughi nel porto di Trieste, ammassati in un rimorchio sbarcato da un traghetto turco. 
«Chiederò alla Farnesina - ha annunciato Serracchiani - che un messaggio in tal senso sia fatto pervenire alle Autorità turche. Perché c'e' evidentemente una differenza tra i barconi che partono dalla Libia, i profughi che via terra possono attraversare a piedi il nostro confine e un gruppo così folto di persone che sale su un traghetto che svolge regolare‎ servizio».
Per Serracchiani «tutti gli accertamenti del caso saranno sicuramente fatti sull'episodio specifico, ma resta fondamentale che siano mantenute e rinsaldate le misure di sicurezza all'origine, anche perché questi collegamenti commerciali via mare sono molto importanti e nessuno deve pensare  - ha concluso - che possano diventare una rotta alternativa per i migranti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • Rive, scampata tragedia nella notte: finisce in mare con la 500 e si salva da sola

  • Rivalutazione pensioni 2020, al via l'aumento degli importi

  • Far west in strada per Opicina, fugge all'alcoltest e aggredisce un carabiniere: arrestato

  • Colpisce due auto e si cappotta: un ferito a Cattinara

  • Ridotto sul lastrico dopo la separazione: sempre più padri "rovinati" dagli alimenti

Torna su
TriestePrima è in caricamento