Migranti, Serracchiani a Salvini: «In Fvg la Lega taglia i fondi dopo averli approvati»

«Quel milione in meno non porterà via un solo profugo dal Fvg, ma anzi renderà più difficile il lavoro dei Comuni»

«Nell'ansia di far propaganda, la Lega in Friuli Venezia Giulia è arrivata al punto di tagliare fondi deliberati dalla precedente Giunta di centrodestra per l'integrazione di stranieri regolari, atti approvati dalla stessa Lega. E di questo Salvini va fiero, siamo all'assurdo». Lo afferma la deputata del Pd Debora Serracchiani, replicando al ministro dell'Interno Matteo Salvini che addita come esempio di " buongoverno della Lega" il taglio di un milione di euro alle spese per l'accoglienza deciso dalla Regione Friuli Venezia Giulia, guidata dal leghista Massimiliano Fedriga.
Per Serracchiani, «quel milione in meno non porterà via un solo profugo dal Friuli Venezia Giulia, ma anzi renderà più difficile per i Comuni, anche di centrodestra, gestire i migranti che ci sono già, anche quelli che non hanno nulla a che fare con gli sbarchi. Bel risultato - conclude - se queste sono le soluzioni rivoluzionarie del Governo del cambiamento».
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • La dieta a Zona per dimagrire e migliorare le funzioni dell'organismo: come funziona

  • Covid 19: nessun morto in Fvg nelle ultime 48 ore, due nuovi casi a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento