Migranti, Serracchiani: «Salvini torni sul Carso con rinforzi»

«Potrà fare un nuovo video da postare contro se stesso. Manderà rinforzi stabili per le Forze dell'Ordine o lascerà solo Fedriga a metterci la faccia?»

​«​Invito il ministro Salvini a tornare sul Carso triestino, dove potrà fare un nuovo video da postare contro se stesso». Lo afferma la deputata del Pd Debora Serracchiani, dopo che un'inchiesta del quotidiano locale ha rivelato che una gran quantità di indumenti e altro materiale giace sull'altipiano a ridosso di Trieste, abbandonato da centinaia di migranti che passano il confine con la Slovenia.

Controlli alle frontiere: il Sap "stufo delle promesse"

Il video

«​All'inizio del 2016 – ricorda Serracchiani - Salvini era già in campagna elettorale ed era venuto qui con giornalisti e telecamente per fare una comoda scampagnata mediatica, girando un video che poi ha postato sulla sua pagina Facebook con questo commento: “Un saluto dal confine con la Slovenia: chilometri e chilometri sguarniti, indumenti, coperte, scarpe sparsi ovunque... Grazie al governo Renzalfano, qui entra ed esce chi vuole... altro che controlli alle frontiere!!! Fai girare!". Due mesi dopo la rotta balcanica era chiusa, ma intanto Salvini aveva fatto il suo scoop sul web».

L'accusa

«​Ora però al Governo c'è lui, l'uomo del cambiamento, l'erede del celodurismo, il carceriere della Diciotti. Manderà rinforzi stabili per le Forze dell'Ordine o – conclude - lascerà solo Fedriga a metterci la faccia?».

Panizzut (Lega) a Serracchiani e Spitaleri: in ultimi 3 mesi meno irregolari in Fvg

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Nudo e ubriaco prende il sole al Cedas davanti a tutti

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

  • Malore fatale al Molo G: deceduto uomo di 77 anni

Torna su
TriestePrima è in caricamento