Migranti, Torrenti: «50 persone in Fvg: uno sforzo minimo per la solidarietà»

«Non vi sono violazioni dei piani di riparto, come si vuole far credere. La percentuale di migranti accolti in Regione è la stessa nel resto d'Italia»

«I numeri sono molto limitati e quindi c'è la possibilità di venire incontro a questa richiesta». Lo ha affermato l'assessore alla Solidarietà, Gianni Torrenti, dopo che, a seguito degli ingenti sbarchi avvenuti recentemente a Brindisi, è stato chiesto alle Prefetture del Friuli Venezia Giulia di accogliere in regione 50 migranti.

«I prefetti - ha spiegato Torrenti - si sono accordati per destinarne 10 a Pordenone e Gorizia e altri 30 a Trieste, ma al momento non sappiamo con precisione in quali luoghi verranno ospitati. Questa è una richiesta minima - ha sottolineato - e coerente con la solidarietà che noi chiediamo alle altre regioni d'Italia quando si verificano arrivi ai confini di Tarvisio, Trieste e Gorizia. Tenendo conto che lo sforzo richiestoci è molto limitato, non c'è motivo di essere preoccupati o di alzare barricate».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'assessore regionale ha poi evidenziato che «in Friuli Venezia Giulia non vi è alcun allarme sociale e nessuna violazione dei piani di riparto dei migranti, come invece si vuole far credere. La percentuale di migranti accolti nella nostra regione è la stessa che si registra nel resto d'Italia». Per Torrenti «la situazione è gestita con oculatezza, come dimostra il fatto che, in questo caso specifico legato agli sbarchi di Brindisi, nessuno dei migranti in arrivo è stato destinato alla prefettura di Udine. Inoltre non va dimenticato che, a parte qualche caso singolo, è da oltre due anni che non ospitiamo migranti provenienti da sbarchi di massa, mentre è da otto mesi che non arrivano nuove persone, se non - ha concluso - casi singoli o piccoli gruppi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Il virus in Croazia preoccupa Lubiana, al vaglio l'ipotesi di toglierla dalla lista dei paesi sicuri

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

Torna su
TriestePrima è in caricamento