Missione Fvg in Iran: focus su commercio e cultura

Da domenica la presidente Fvg Debora Serracchiani e commissario dell'Autorità portuale di Trieste Zeno D'Agostino in missione a Teheran per lo sviluppo di nuove relazioni commerciali e culturali. Tra gli obiettivi l'illustrazione della posizione strategica dello scalo marittimo giuliano per lo sviluppo di nuovi rapporti tra il Friuli Venezia Giulia e l'Iran

Non solo rapporti strettamente economici e collaborazioni in campo scientifico ma anche nuove "rotte" commerciali e contatti nel settore culturale animeranno la missione FVG, guidata dalla presidente della Regione Debora Serracchiani, che si svilupperà da domenica prossima a Teheran (Iran). Il raddoppio del canale di Suez (dallo scorso agosto) ma soprattutto le relazioni Ro-Ro tra il porto di Trieste e gli scali turchi sul Mediterraneo rappresentano infatti la chiave per sviluppare delle connessioni commerciali tra il Friuli Venezia Giulia e l'Iran, sfruttando, appunto, la piattaforma-Turchia.

Ed è in questo contesto, che la presidente Serracchiani e il commissario dell'Autorità portuale di Trieste, Zeno D'Agostino, illustreranno nella capitale persiana la posizione strategica dello scalo marittimo giuliano, andando soprattutto a verificare, come ha ricordato lo stesso D'Agostino, i nuovi interessi della Repubblica islamica per stringere in prospettive nuove connessioni in termini di traffico Ro-Ro (cioè di traghetti) e container facendo perno sui porti turchi e su quello di Trieste, a sua volta punto focale dei traffici verso i mercati del Centro e dell'Est Europa.

"La Via della Seta", che necessariamente passava per il territorio persiano per raggiungere l'Italia, sarà invece il trait d'union dei colloqui culturali che Serracchiani e il presidente della Fondazione Aquileia, Antonio Zanardi Landi, avranno a Teheran con i responsabili governativi iraniani, nell'intento, come ha sottolineato lo stesso Zanardi Landi, di ampliare anche al Friuli Venezia Giulia i contenuti del recente protocollo Italia-Iran per il rafforzamento della cooperazione bilaterale in diversi settori culturali. La presenza della Fondazione a Teheran si inserisce inoltre nella rinnovata attività avviata ad Aquileia con la recente organizzazione della rassegna "Il Bardo ad Aquileia", che ospita alcuni importanti reperti archeologici provenienti dal museo del Bardo a Tunisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento